Egitto, scoperte 500 mummie di animali in una tomba dell’era tolemaica

di redazione Blitz
Pubblicato il 9 aprile 2019 13:57 | Ultimo aggiornamento: 9 aprile 2019 13:57
Egitto, scoperte 500 mummie di animali in una tomba dell'era tolemaica

Egitto, scoperte 500 mummie di animali in una tomba dell’era tolemaica

IL CAIRO – Ritrovate 500 mummie di animali in Egitto, in una tomba risalente al tempo del regno tolemaico, uno dei più potenti e ricchi del Mediterraneo orientale tra il 323 e il 30 a. C.

Recentemente il ministro delle antichità egiziano, Khaled Anany, aveva annunciato la scoperta di due tombe nei pressi del sito archeologico di Al-Dayabat, nella città di Sohag, circa 400 km a sud del Cairo. In uno dei due monumenti sono state rinvenute le 500 mummie animali, tra gatti topi e ragni, perfettamente conservati.

La seconda tomba, che risale al primo periodo dell’era tolemaica, ospita anche due mummie umane: un ricco e potente funzionario di nome Tutu e sua moglie, Ta-Shirit-Iziz, ancora nei loro sarcofagi di pietra. 

Il segretario generale del Supremo Consiglio delle Antichità egiziano, Mostafa Waziri, spiega: “La tomba è composta da una sala centrale e una sepolcrale con due sarcofagi di pietra. Quella centrale è divisa in due: a destra è raffigurato il proprietario della tomba, cioè Tutu, che rivolge doni a divinità diverse. A sinistra vediamo immagini simile per sua moglie, Ta-Shirit-Iziz, ma con l’aggiunta dei versi di un libro, il libro dell’aldilà”.

L’eccezionale ritrovamento, sperano le autorità egiziane, servirà anche a incentivare la promozione turistica di quest’area archeologica, ancora poco visitata rispetto alle altre nel Paese, dove sono presenti molti siti risalenti a diverse epoche, dalla civiltà faraonica fino al periodo greco-romano. (Fonte: Mirror)