Egitto. Aida di Verdi all’inaugurazione del nuovo Canale di Suez il 6 agosto

Pubblicato il 1 agosto 2015 19:29 | Ultimo aggiornamento: 1 agosto 2015 19:29
L'Aida di Giuseppe Verdi

L’Aida di Giuseppe Verdi

EGITTO, IL CAIRO – L’Aida di Giuseppe Verdi sarà rappresentata alla cerimonia di inaugurazione del nuovo Canale di Suez il prossimo 6 agosto.

Lo ha confermato all’ANSA il portavoce dell’Opera del Cairo, Karim Badawi, precisando che durante la cerimonia sarà eseguita la scena II della marcia trionfale dell’opera in cui Radames torna vincitore.

Lo spettacolo prevede anche l’esecuzione di alcuni brani da parte del noto compositore e pianista egiziano Omar Khairat.

Il legame tra l’Aida di Verdi e il Canale di Suez ha radici antiche. Fu infatti il viceré d’Egitto, Ismail Pascia, che sul finire del XIX secolo commissionò a Giuseppe Verdi un inno per celebrare l’apertura del Canale.

Ma lui rifiutò. Poi il compositore iniziò ad affascinarsi all’idea di un’opera che aveva come sfondo l’Egitto e quando l’amico Camille Du Locle, direttore dell’Opera Comique, gli fece leggere il libretto con il soggetto dell’Aida, Verdi ne rimase entusiasta e iniziò a lavorare all’opera.

Ma la guerra franco-prussiana non permise che l’Aida venisse rappresentata all’inaugurazione del Canale di Suez il 17 novembre 1869, in quanto scene e costumi erano bloccati dal conflitto in Francia.

Per la cerimonia venne rappresentato il ‘Rigoletto’, ma due anni dopo, il 24 dicembre 1871, l’Aida venne finalmente presentata, per la prima volta al mondo, al Teatro Khediviale dell’Opera del Cairo.