Egitto, Sinai. Un bambino e due donne uccisi da razzi vaganti

Pubblicato il 2 Febbraio 2015 17:08 | Ultimo aggiornamento: 2 Febbraio 2015 17:08
Un terrorista armato di razzo nel Sinai

Un terrorista armato di razzo nel Sinai

LIBANO, BEIRUT – Un bambino di dieci anni è fra le tre vittime civili di razzi che si sono abbattuti su abitazioni nel Sinai settentrionale dove l’esercito egiziano combatte contro terroristi islamici. Lo si appreso da fonti della sicurezza.

Il piccolo è morto ad Arish, sulla costa mediterranea, e suo fratello di 12 è rimasto ferito. A Rafah, al confine con la Striscia di Gaza, sono decedute due donne e quattro componenti della stessa famiglia sono rimasti feriti

Le forze di sicurezza egiziane stanno reagendo ad un attacco in grande stile di terroristi islamici alleati dell’Isis che giovedi scorso hanno causato in tre centri la morte di 32 persone, quasi tutti militari e poliziotti.

Sono morti anche un lattante di sei mesi e un bambino di sei anni. Già in precedenza bambini erano stati uccisi da colpi di mortaio e razzi vaganti nel Sinai settentrionale. Nel luglio scorso vi sono state quattro piccole vittime ad Al-Goura.