El Salvador, terremoto di magnitudo 7.4, sos tsunami. Allerta rientrato

Pubblicato il 27 agosto 2012 8:13 | Ultimo aggiornamento: 27 agosto 2012 17:44

EL SALVADOR – Prima la violenta scossa di terremoto, poi uno tsunami hanno colpito domenica notte El Salvador.

La scossa, di magnitudo 7.4, è stata registrata alle 22:37 di domenica 26 agosto (le 6:37 del mattino in Italia). Subito è scattata l’allerta tsunami, poi rientrata, per El Salvador, Costa Rica, Nicaragua, Honduras, Guatemala, Panama e Messico. L’onda anomala scatenata dal terremoto ha investito solo la costa di Acajutla.

La scossa di terremoto aveva epicentro nell’Oceano Pacifico a 125 chilometri a sud di Usulatun, la quarta città di El Salvador. Il sisma ha avuto ipocentro a 50,6 chilometri di profondità. Nella località di Isla Mendez alcune persone ”risultano disperse” e potrebbero essere state investite dall’onda anomala.

Il Centro Ptwc ha da subito lanciato l’allerta, sottolineando che “il sisma ha le potenzialità per causare uno tsunami”, e prevede che onde anomale possano colpire nell’ordine il Costa Rica, in particolare le località di Capo San Elena, Puerto Quepos e Capo Matapalo, poi il Nicaragua (Corinto, Puerto Sandino e San Juan Dl Sur), El Salvador (Acajutla), Honduras (Amapala), Guatemale (Sipicate), infine Panama (Punta Burica, Punta Mala Balboa) e Messico (Puerto Madero). Ma l’onda anomala si è abbattuta solo sulle coste di Acajutla, in El Salvador, mentre è stata ritirata l’allerta per le altre zone a rischio.

Poco dopo la prima, una nuova scossa di magnitudo 5.4 è stata registrata dall’Istituto geofisico americano al largo delle coste di El Salvador: l’ipocentro, a 57 km di profondità, è stato localizzato poco lontano da quello del precedente sisma di magnitudo 7.4 che ha fatto scattare l’allerta tsunami.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other