Fabrizio Stabile muore a 29 anni per infezione da ameba “mangia-cervello” negli Usa

di Redazione Blitz
Pubblicato il 2 ottobre 2018 14:45 | Ultimo aggiornamento: 2 ottobre 2018 14:45
Fabrizio Stabile morto per infezione da ameba mangia-cervello

Fabrizio Stabile muore a 29 anni per infezione da ameba “mangia-cervello” negli Usa

ROMA – Prima un forte mal di testa, poi ha perso l’uso della parola e infine è morto. Fabrizio Stabile, 29 anni e originario di Ventnor nel New Jersey, si è sentito male ed è morto il 21 settembre. Il giovane è deceduto per una infezione al cervello dal parassita Naegleria Fowleri, noto anche come ameba “mangia-cervello“. Si tratta del primo caso di infezione registrato negli Stati Uniti dal 2016, come confermato anche dal Centers for Disease Control and Prevention. 

A raccontare la vicenda di Stabile è il New York Times. L’uomo si è sentito male il 16 settembre, mentre tagliava il prato della sua casa. I medici lo hanno inizialmente curato per una meningite batterica, poi le analisi hanno svelato che era stato infettato dal parassita ma per lui non c’era più nulla da fare ed è morto 5 giorni dopo il ricovero. 

Le autorità hanno accertato che qualche giorno prima di morire Stabile era stato in un parco acquatico, il BRS Cable Park and Surf Resort a Waco, in Texas. Il Cdc che si occupa di malattie ed epidemie ha avviato i controlli nel parco e raccolto campioni di acqua per verificare la presenza del parassita. Quello del giovane, infatti, è il primo caso registrato dal 2016 di infezione da parte dell’ameba “mangia-cervello”, che vive in acqua dolce a temperature variabili e che può provocare nell’uomo la meningoencefalite amebica primaria, che colpisce il sistema nervoso centrale distruggendone i tessuti. I sintomi sono principalmente mal di testa, nausea, vomito e stato di confusione. Si tratta di una malattia dal decorso estremamente rapido e che, come nel caso di Fabrizio, può provocare la morte nell’arco di una settimana.