Fbi offre 1 milione dollari per agente scomparso in Iran

Pubblicato il 6 Marzo 2012 22:39 | Ultimo aggiornamento: 6 Marzo 2012 22:58

NEW YORK, 6 MAR – L'Fbi offre una ricompensa da un milione di dollari a chiunque dia informazioni utili per il ritrovamento dell'agente Robert Levinson, scomparso in Iran nel 2007.

L'annuncio e' stato fatto oggi, nel quinto anniversario dalla scomparsa, durante una conferenza stampa alla quale era presente anche la moglie di Levinson, Christine.

Gli agenti federali hanno anche detto che la foto di Levinson sara' affissa su cartelloni anche in Pakistan e Afghanistan.

Levinson, un ex agente speciale in pensione dall'Fbi dopo 22 anni di servizio, e' sparito mentre era in viaggio di affari sull'isola di Kirsh, in Iran. Inizialmente fu ritenuto morto, finche' un video apparso nel 2011 non ha dimostrato il contrario. Nel filmato l'agente si rivolgeva alla moglie, chiamandola ''La mia bella, amata, leale sposa Christine'', e poi dice di essere tenuto in ostaggio e di essere preoccupato per la mancanza di medicine contro il diabete. ''Non godo di buona salute – dice – e ho bisogno dell'aiuto degli Stati Uniti per rispondere alle richieste del gruppo che mi tiene prigioniero da tre anni e mezzo''.

L'ex agente era sull'isola come investigatore privato per conto di un produttore di documentari, dove aveva in programma di incontrare un fuggitivo americano accusato dell'omicidio di un ex funzionario iraniano. E' stato visto l'ultima volta mentre si registrava nell'albergo scelto per l'appuntamento.

Le autorita' americane hanno specificato che non era in veste di rappresentante del governo o di altre agenzie americane.