La figlioletta continua a piangere: il padre le incolla la bocca e poi scappa

di redazione Blitz
Pubblicato il 4 ottobre 2018 12:23 | Ultimo aggiornamento: 4 ottobre 2018 12:23
La figlioletta continua a piangere: il padre le incolla la bocca e poi scappa

La figlioletta continua a piangere: il padre le incolla la bocca e poi scappa (Nella foto, Johnnie Lee Carter)

DALLAS – La figlioletta di due anni continuava a piangere, così lui, il padre, Johnnie Lee Carter, 29 anni, l’ha picchiata con pugni in testa e al torace. Ma lei non smetteva. E alla fine lui le ha spalmato della colla a presa rapida sulle labbra e sulle palpebre, rischiando persino di farla soffocare, e l’ha lasciata così. Quindi ha sepolto sotto una montagna di cuscini e coperte l’altro figlio, di due mesi, e se n’è andato. 

L’uomo ha tentato la fuga da Odessa, in Texas, ma è stato raggiunto dalla polizia a El Paso, a circa 430 chilometri da Odessa. La piccola è stata soccorsa e trovata in gravi condizioni e sotto choc, comprensibilmente, abbandonata insieme al fratellino in una stanza di un motel.