Filippine, 13enne costretta a sposare uomo di 48 anni. Ora dovrà prendersi cura dei figli, suoi coetanei

di Caterina Galloni
Pubblicato il 22 Novembre 2020 11:30 | Ultimo aggiornamento: 20 Novembre 2020 17:30
Filippine 13enne sposa

Filippine, 13enne costretta a sposare uomo di 48 anni. Ora dovrà prendersi cura dei figli, suoi coetanei (foto ANSA)

A Mamasapano, Filippine, una 13enne è stata costretta a sposare un uomo di 48 anni e dovrà fare da mamma ai figli che hanno la sua stessa età.

Le foto del matrimonio, pubblicate dal Sun, mostrano Asnaira Pamansag Mugaling, 13 anni, mentre diventa la quinta moglie di Abdulrzak Ampatuan nel corso di una cerimonia durata un giorno. L’adolescente ora dovrà prendersi cura del figli del marito, suoi coetanei.

Nel corso della cerimonia nuziale avvenuta il 22 ottobre, la sposa bambina indossava il tradizionale abito e sedeva accanto allo sposo. Asnaira ha affermato di “non temere” Abdulrzak perché “con lei è gentile”. “Sto imparando a cucinare perché ora non sono brava. Voglio rendere felice mio marito”, ha detto la 13enne.

Tre settimane dopo il matrimonio, Abdulzrak ha costruito una piccola casa dove vivere con la famiglia.

Lavora come agricoltore mentre Asnaira svolge le faccende domestiche e aiuta a prendersi cura dei figli di Abdulrzak avuti dai precedenti matrimoni. “Sono felice di averla sposata e di trascorrere le giornate con lei che si prende cura dei miei figli”, ha detto Abdulzrak. La coppia ha in programma di avere figli ma quando Asnaira compirà 20 anni, nel frattempo il marito le pagherà la scuola perché vuole che abbia un’istruzione.

Matrimoni precoci, una violazione dei diritti umani 

Le Nazioni Unite definiscono il matrimonio precoce come qualsiasi matrimonio formale o unione informale in cui una o entrambe le parti hanno meno di 18 anni. L’organizzazione sostiene che il matrimonio precoce compromette lo sviluppo delle ragazze e si traduce in una gravidanza precoce e nell’isolamento sociale.

In alcune aree delle Filippine, la legge musulmana sullo stato personale, basata sulla Sharia, consente il matrimonio all’inizio della pubertà.

Secondo i dati dell’UNICEF, nelle Filippine sono presenti 726.000 spose bambine, il 12° numero più alto al mondo. L’ente di beneficenza britannico Girls Not Bridges, segnala che circa il 15% delle ragazze filippine si sposa prima del 18° compleanno, il 2% prima dei 15 anni.

La nazione, dove non è consentito il divorzio, si è impegnata a eliminare i matrimoni infantili, precoci e forzati entro il 2030 in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. (Fonte: Sun)