Filippine, strage di Mindanao: polizia recupera 46 cadaveri

Pubblicato il 24 Novembre 2009 9:45 | Ultimo aggiornamento: 24 Novembre 2009 10:58

Sono 46 i cadaveri recuperati a Mindanao, nelle Filippine, dove lunedì circa 40 persone sono state sequestrate e poi uccise da decine di uomini armati. Lo rende noto la polizia locale.

“I corpi sono stati recuperati da una fossa comune”, ha dichiarato il capo della polizia filippina, Jesus Verzosa. I cadaveri delle vittime, tra cui almeno 14 donne, sono crivellati da colpi di arma da fuoco.

Ci sarebbero quattro superstiti del massacro, tenuti “al sicuro” dal candidato al governatorato Esmael Mangudadatu, la moglie del quale figura tra le vittime della strage.

Il presidente Gloria Macapagal Arroyo ha decretato lo stato d’emergenza nella zona sud dell’arcipelago e in particolare nella provincia di Maguindanao e in due zone limitrofe, un’area dove vive complessivamente 1 milione e mezzo di persone.

Le violenze potrebbe essere frutto di rivalità politiche in vista delle elezioni del 2010 per scegliere il nuovo governatore della provincia.