Fracking e terremoti in Oklahoma. L’allerta del servizio geologico Usa

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 Maggio 2014 15:03 | Ultimo aggiornamento: 9 Maggio 2014 15:03
La tabella pubblicata dal servizio geologico degli Usa

La tabella pubblicata dal servizio geologico degli Usa

NEW YORK – Il 2 maggio 2014 il servizio geologico degli Usa ha diffuso un earthquake warning per possibili terremoti ad est delle Montagne Rocciose, in Oklahoma. E in molti (come questo articolo del Fatto Quotidiano) hanno tradotto il comunicato del servizio geologico come una parziale ammissione del collegamento tra fracking (o fratturazione idraulica, una tecnologia per estrarre petrolio e gas naturale dal terreno) e terremoti.

“Il numero di terremoti in Oklahoma – si legge nel comunicato, questo il link – è aumentato del 50% a partire dall’ottobre 2013 aumentando le probabilità di un futuro terremoto di 5.5 gradi o più sulla scala richter”. E secondo il servizio geologico americano l’aumento di terremoti è stato “provocato da acqua di scarico iniettata nelle formazioni geologice e profonde. Questo fenomeno è noto come sismicità-indotta”.

Scrive Maria Rita D’Orsogna del Fatto Quotidiano:

Nel frattempo Katie Keranen, geofisico di Cornell University ha presentato assieme al collega Geoff Abers un nuovo studio in cui si mostra che le attività di reiniezione nei pozzi dismessi possono avere conseguenze anche a distanze di varie decine di chilometri, a causa dei cambiamenti di pressione sotterranei.

C’e’ anche da notare che nel warning c’è scritto che “i proprietari di edifici e rappresentanti governativi dovrebbero prestare particolare attenzione alle costruzioni più vecchie, di mattoni e non rafforzati, che sono particolarmente vulnerabili a danni seri se le scosse sono sufficientemente violente.”

E in Italia? E in Emilia Romagna? E in Basilicata? E in Abruzzo?

Se dovessero servire, ci saranno mai dei sereni annunci in cui ti dicono: guardate che questi terremoti di intensità minore potrebbero essere precursori di terremoti maggiori, per cui quantomeno siate vigili? C’è qualcuno che indaga come gli almeno 39 pozzi di reiniezione italiani solo collegati alle attività sismiche nelle loro vicinanze? Chi ci vive vicino lo sa che ci sono pozzi di reiniezione?