Fuga dal Sahel: la pandemia spinge un milione di persone via da un’area già sfollata

di Caterina Galloni
Pubblicato il 22 Agosto 2020 6:26 | Ultimo aggiornamento: 21 Agosto 2020 12:41
Fuga dal Sahel: la pandemia spinge un milione di persone via da un'area dell'Africa già sfollata per altri motivi

Fuga dal Sahel: la pandemia spinge un milione di persone via da un’area già sfollata (Foto d’archivio Ansa)

La pandemia potrebbe spingere più di 1 milione di persone a lasciare le loro case nel Sahel, creando caos in un’area già estremamente problematica.

Fuga dal Sahel: i dati emergono da Foresight, un nuovo software di previsione sviluppato dal gruppo umanitario Danish Refugee Council (DRC).

Fuga dal Sahel: le cause dello sfollamento

Come risultato del crescente conflitto, della disoccupazione e della violazione di diritti umani, in Burkina Faso, Mali, Niger e Nigeria nell’Africa occidentale ci sarà uno sfollamento.

A causa del coronavirus, i rifugiati libici rischiano di rimanere tagliati fuori dagli aiuti.

Per prevedere lo sfollamento forzato in un dato paese, Foresight analizza fattori nazionali come economia, livello di conflitto, clima, governance e sicurezza alimentare, utilizzando dati di alcune fonti tra cui la Banca Mondiale e le Nazioni Unite.

I precedenti del software

Quando è stato testato in Afghanistan e Myanmar, il software ha mostrato un alto grado di precisione e dal ministero degli Esteri della Danimarca, è stato definito rivoluzionario per il settore umanitario.

“La cosa più impressionante di questo strumento è che ci dà una possibilità di esaminare gli indicatori e intervenire molto più rapidamente prima che aumentino i conflitti e creino tensione all’interno dei governi e tra i paesi vicini” ha detto al Guardian Rasmus Prehn, ministro per lo Sviluppo danese.

“Ciò può potenzialmente cambiare le regole del gioco. Quando parliamo con le organizzazioni umanitarie, tutte sostengono che il preallarme è uno degli elementi più importanti per un intervento tempestivo.

“Il Sahel è uno dei conflitti dimenticati e se ora non facciamo nulla finiremo per avere molti sfollati.

“E’ il momento di intervenire”.

Negli ultimi dieci anni, il numero di persone sfollate è raddoppiato a 80 milioni, secondo l’UNHCR.

Conflitto, mancato rispetto dei diritti umani e malgoverno aumentano la probabilità di sfollamenti di grandi dimensioni più del 25%.

“La modellazione di scenari non è una novità nel settore umanitario”,
ha detto il segretario generale di RDC, Charlotte Slente.

“Ci aiuta a pianificare e reagire in modo efficiente durante una crisi.

“Il software può prevedere quando scatterà un simile scenario.

(Fonte: Guardian)