Gaza. Israele respinge la tregua umanitaria. Ripresi i raid aerei

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 Luglio 2014 10:42 | Ultimo aggiornamento: 22 Luglio 2014 10:42
Gaza. Israele respinge la tregua umanitaria. Ripresi i raid aerei

Ragazzo palestinese corre sulle rovine di Gaza (Reuters)

ROMA –  Gaza. Israele respinge la tregua umanitaria. Ripresi i raid aerei. Israele ha respinto la richiesta dell’inviato dell’Onu in Medio Oriente Robert Serry di una tregua umanitaria nella Striscia di Gaza. Lo scrive Haaretz citando alte fonti israeliane. Nel quinto giorno dell’invasione via terra e all’inizio della terza settimana della “Operation Protective Edge” il bilancio conta 27 morti tra i soldati israeliani (9 lunedì scorso), mentre i 130 palestinesi uccisi con l’incursione dell’esercito israeliano (Idf) porta a 508 il numero delle vittime della Striscia (3130 i feriti). 583 morti e 3.640 feriti è il tragico bilancio secondo l’agenzia di stampa palestinese Al-Ray.

Ripresi i raid aerei israeliani, 7 morti. Secondo fonti palestinesi, cinque vittime sono morte in due raid a Deir el-Balah, una sesta a Khan Yunis e la settima in un bombardamento sul campo profughi di Nuseirat.

Le vittime dell’esercito israeliano. Dopo l’esame dei corpi di un blindato israeliano colpito domenica a Sajaya (Gaza), l’esercito israeliano è riuscito a ricomporre solo sei delle sette salme. Mentre gli sforzi di identificazione proseguono, il settimo militare è definito per il momento ”disperso”. Lo riferisce la radio militare.

Kerry prolunga la visita al Cairo e stanzia 47 mln $ di aiuti a Gaza. Il segretario di Stato americano John Kerry prolunga di un giorno la sua visita Al Cairo cominciata ieri sera: lo sostengono fonti dell’ambasciata americana al Cairo. Kerry sarebbe dovuto ripartire stamattina dopo una conferenza stampa che invece si terrà domattina.

L’agenzia statale Mena ha confermato il prolungamento della visita di Kerry e ha riferito dell’inizio di un suo incontro con l’omologo egiziano Sameh Shoukry. Il segretario di Stato incontra oggi anche il segretario generale della Lega araba, Nabil el-Araby ed il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi. Kerry ha annunciato lo stanziamento di 47 milioni di dollari di aiuti alla popolazione di Gaza “per alleviare almeno la prima emergenza della crisi umanitaria