Gb. Giovani hackers ammettono di essere entrati in Cia, Sony, News International

Pubblicato il 26 giugno 2012 19:23 | Ultimo aggiornamento: 11 luglio 2012 18:04

 LONDRA, GRAN BETAGNA – Due hacker britannici hanno riconosciuto di essere stati i responsabili di attacchi contro numerosi siti, tra cui quelli della Cia, della Sony e di News International. Ryan Cleary, 20 anni e Jake Davis, 19, d’accordo con altri hacker dei gruppi Anonymous, LulzSec e Internet Feds, prendevano di mira i siti di agenzie governative, societa’ di comunicazione e di informatica e grazie a una rete di computer ‘botnet’ da loro controllata, e intasavano i siti fino a bloccarli.

Cleary, di Wickford nell’Essex e Davis, di Lerwick nelle isole Shetland, sono inoltre entrati  nei computer di numerosi siti introducendo diverse modifiche non autorizzate alle loro impostazioni di sicurezza e reindirizzando i visitatori del loro sito a siti controllati dagli hacker. Tra i siti colpiti quello della sanita’ pubblica britannica, di News International, della Sony, di Nintendo, degli studi cinematografici Fox, dell’emittente statunitense Pbs, della polizia dell’Arizona e di una serie di societa’ anti hacker americane.

Altri due imputati, Ryan Ackroyd, 25 anni ed un ragazzino di 17 la cui identita’ non puo’ essere divulgata perch� minorenne, sono comparsi a fianco ai due accusati negando le accuse di complicità. Tutti meno Cleary sono stati rilasciati su cauzione e torneranno in tribunale ad aprile.

L’udienza coincide con l’avvertimento lanciato ieri sera dal capo dell’MI5 Jonathan Evans, che ha rivelato come i suoi servizi stiano contrastando un numero ”sorprendente” di attacchi informatici sia da parte di ”spionaggio cibernetico sponsorizzato da stati” come la Russia e la Cina, sia da parte di ”organizzazioni di criminali informatici”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other