George Floyd, il Pentagono nega l’esercito a Trump. E anche Snapchat lo censura

di redazione Blitz
Pubblicato il 3 Giugno 2020 23:38 | Ultimo aggiornamento: 3 Giugno 2020 23:38
George Floyd, il Pentagono nega l'esercito a Trump. E anche Snapchat lo censura

George Floyd, il Pentagono nega l’esercito a Trump. E anche Snapchat lo censura (Foto Ansa)

WASHINGTON  –  Le proteste per l’uccisione di George Floyd negli Stati Uniti sono diventate meno violente ma hanno appiccato il fuocoall’interno dell’amministrazione americana. 

Travolto dalle accuse di aver politicizzato l’esercito, il capo del Pentagono, Mark Esper, è uscito allo scoperto in una conferenza stampa prendendo le distanze dal presidente, Donald Trump, sia dalla sua minaccia di usare le truppe per fermare le rivolte sia dalla sua controversa foto con la Bibbia davanti alla St. John Church, di fronte alla Casa Bianca, dopo aver fatto sgomberare la folla con lacrimogeni e proiettili di gomma.

Il segretario alla Difesa si è detto contrario ad invocare l’Insurrection Act del 1807, la legge che consente di impiegare le truppe contro i disordini e che fu usata l’ultima volta nel 1992 contro le sommosse a sfondo razziale scoppiate nella città di Los Angeles.

“L’opzione di usare l’esercito nel ruolo di polizia dovrebbe essere l’ultima spiaggia e solo nelle situazioni più urgenti e gravi ma ora non siamo in uno di questi momenti”, ha spiegato, sconfessando così il presidente.

“Il mio obiettivo è quello di tenere le forze armate fuori della politica”, ha assicurato, anche se nel frattempo 1.600 soldati sono stati schierati nei dintorni della capitale per intervenire in caso di necessità.

Esper ha anche riferito che lunedì sera sapeva che avrebbe accompagnato il tycoon alla chiesa di St. John ma non che avrebbe partecipato ad una ‘photo opportunity’ con Trump che reggeva in mano la Bibbia accanto a vari esponenti dell’amministrazione: una “strumentalizzazione politica” criticata dai vertici religiosi non solo locali, mentre oggi il Papa, pur condannando la violenza delle ultime notti come “autodistruttiva e autolesionista”, ha sollecitato a “non tollerare o chiudere un occhio sul razzismo e sull’esclusione in qualsiasi forma”.

Come se non bastasse, il capo del Pentagono ha annunciato di aver chiesto al segretario dell’esercito Ryan McCarthy di avviare un’ indagine sull’uso di un elicottero militare (un Black Hawk) da parte della Guardia Nazionale che è stato filmato nello stesso giorno mentre sorvolava a bassa quota i manifestanti vicino alla Casa Bianca con l’apparente scopo di intimidirli e disperderli.

“Voglio sapere perché, cosa è successo, chi è coinvolto, quali ordini sono stati dati o meno, se c’era una questione di sicurezza con un velivolo che volava così basso”, ha detto.

Quanto basta per innescare uno scontro con il presidente, che secondo la Cnn si sarebbe già detto “non contento” dello smarcamento di Esper.

Per ora ha parlato solo la portavoce Kayleigh McEnany, con due dichiarazioni per niente rassicuranti. “Al momento Mark Esper è ancora segretario alla Difesa e se il presidente perde fiducia in lui ve lo faremo sapere”, ha detto. Trump, ha aggiunto, “userà l’Insurrection Act, se necessario”.

Intanto il tycoon cerca di accreditare una nuova narrativa dei fatti, mentre Snapchat, dopo le censure di Twitter, ha annunciato che non promuoverà più sull’home page di Discover l’account di Trump, accusandolo di incitare con i suoi messaggi “la violenza razziale e l’ingiustizia”. (Fonte: Ansa)