Gerusalemme, arabo si spaccia per ebreo per andare con un’israeliana: condannato per stupro

Pubblicato il 20 luglio 2010 17:07 | Ultimo aggiornamento: 20 luglio 2010 18:06

Gerusalemme

Un palestinese di Gerusalemme est, che si era spacciato per ebreo allo scopo di avere una relazione sessuale con un’israeliana, è stato giudicato oggi colpevole di stupro e condannato a 18 mesi di carcere.

Il palestinese, Sabbah Kachour, di 30 anni, aveva inoltre celato alla giovane donna di essere sposato. Una volta scoperta la verità la donna lo ha denunciato per stupro.

Il tribunale di Gerusalemme, pur riconoscendo che non si trattava di un caso classico di stupro con violenza, ha ritenuto che il reato meritava comunque una punizione severa. Oltre ai 18 mesi di carcere, ha comminato a Kachour altri 30 mesi con la condizionale e gli ha imposto di risarcire la vittima.