Cronaca Mondo

Giappone, Miwa Sado, giornalista, muore di infarto a 31 anni per troppo lavoro

giappone-miwa-sado

Giappone, Miwa Sado, giornalista, muore di infarto a 31 anni per troppo lavoro

TOKYO – Morire di infarto a 31 anni per aver lavorato troppo: 160 ore di lavoro extra in un mese, per l’esattezza. E’ finita così la giovane vita di Miwa Sado, giornalista dell’emittente pubblica giapponese Nippon Hōsō Kyōkai (NHK). Un decesso che in verità risale al 2013, ma la cui causa è stata resa nota dall’emittente stessa solo adesso per “rispetto alla famiglia”.

Miwa era una giornalista politica molto nota e stimata nel Paese, e nell’estate del 2013, subito prima di morire, aveva seguito le elezioni dell’assembla della città di Tokyo e quelle della Camera alta, collezionando 159 ore di straordinari, con due soli giorni di riposo in un mese.

Proprio tre giorni dopo il rinnovo del “Senato” giapponese, Miwa è stata uccisa da un infarto che, per ammissione degli stessi medici, è stato causato dall’eccessivo stress accumulato sul lavoro.

Per Masahiko Yamauchi, caporedattore politico di NHK, la morte d Miwa riflette un “problema per la nostra organizzazione nel suo complesso, incluso il sistema di lavoro e come le elezioni sono coperte”. E si inserisce nella triste piaga del karoshi, termine giapponese che significa morte per eccesso di lavoro, e che in Giappone ha già fatto molte vittime.

Secondo le statistiche del governo, nell’ultimo anno e mezzo almeno 2mila lavoratori si sono suicidati a causa dell’eccessivo carico di lavoro, mentre decine di altre vittime sono morte per infarti, attacchi cardiaci e insufficienze respiratorie causate dal sovraccarico di lavoro, e un lavoratore su cinque sarebbe a rischio karoshi. 

I lavoratori giapponesi lavorano in media molto più degli omologhi occidentali, ma questo non incide sulla produttività, piuttosto bassa, considerate soprattutto le ore di straordinari lavorate. Una realtà che si sta espandendo anche in altri Paesi asiatici, in particolare in Cina e Taiwan, dove sono stati registrati casi analoghi.

 

 

 

To Top