Giappone: test per il censimento della popolazione coi cellulari

Pubblicato il 24 Settembre 2010 13:08 | Ultimo aggiornamento: 24 Settembre 2010 18:20

Il telefonino come mezzo per censire in tempo reale e con precisione la popolazione di una data area del Giappone, con l’obiettivo di permettere interventi mirati di soccorso in caso di incidenti o calamità naturali. E’ l’esperimento che partirà a novembre nella città di Kashiwa, alla periferia orientale della capitale nipponica, frutto della collaborazione tra la prestigiosa Università di Tokyo e il gigante della telefonia cellulare Ntt Docomo, primo operatore mobile del Sol Levante con oltre 56 milioni di utenti.

Il test, che sarà condotto fino al marzo del prossimo anno, si baserà sull’analisi incrociata di molteplici fonti di dati, come il numero di telefonini che risultano essere stati venduti nell’area designata e i segnali radio trasmessi in tempo reale dagli apparecchi in un determinato arco di tempo.

In questo modo, secondo i promotori dell’iniziativa, si cercherà di testare sul campo l’affidabilità del nuovo sistema di censimento demografico, che in caso di risultati positivi permetterà di conoscere in tempi estremamente ridotti una stima accurata del numero di persone presenti in una data zona e in un preciso momento.