Guantanamo/ Ci sono carceri più dure, “Gitmo è buona per un pic-nic se paragonata ad altre prigioni Usa” (Miami Herald)

Pubblicato il 27 maggio 2009 1:25 | Ultimo aggiornamento: 27 maggio 2009 1:26

Carl Hiaasen, giornalista del Miami Herald, commenta per il suo giornale la difficile situazione del carcere di Guantanamo, a Cuba. Obama ha promesso di chiuderlo, ma ha avuto dei problemi perchè non sa cosa fare dei duecentoquaranta detenuti.

Secondo Hiaasen “è fuori dubbio che almeno ottanta detenuti siano assolutamente e radicalmente pericolosi”, ma gli altri “devono essere spostati o, addirittura, liberati” e ci sarebbe già “qualche stato pronto a dare loro il benvenuto”. Questo, secondo Hiaasen, “è il problema che nasce quando credi che un uomo sia un terrorista, salvo poi ripensarci”.

Per quanto riguarda lo spostamento dei detenuti, il pensiero di Hiaasen è molto chiaro: «Negli Stati Uniti siamo pieni di prigioni dalle quali è impossibile fuggire e qualcuna è talmente dura da far sembrare Guantanamo come il Club Med».