Harry e Meghan, piantagione di cannabis intorno alla loro villa a Vancouver

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 Febbraio 2020 11:20 | Ultimo aggiornamento: 28 Febbraio 2020 11:20
Harry e Meghan, piantagione di cannabis intorno alla loro villa a Vancouver

Harry e Meghan, piantagione di cannabis intorno alla loro villa a Vancouver (foto ANSA)

LONDRA – La villa dove hanno deciso di trasferirsi Harry e Meghan nei pressi di Vancouver, in Canada, potrebbe essere presto circondata da piantagioni di cannabis. Molti ettari di terra che, secondo quanto riferisce il Daily Mail, alcuni imprenditori canadesi vorrebbero trasformare in sterminate piantagioni di canapa indiana.

Nelle vicinanze della dimora da 18 milioni di dollari dove vivrà la coppia, una dimora apparentemente isolata che la coppia avrebbe scelto proprio perché offre la privacy tanto cercata, ci sarebbe anche un ex allevamento di polli in disuso, recentemente concesso in affitto a un agricoltore di cannabis che vorrebbe trasformarlo nella sua azienda agricola. Un tipo di piantagione che in Canada è diffuso visto che l’utilizzo della marijuana a scopo ricreativo è legale. 

Ma i Duchi di Sussex, non si fermeranno qui. Harry e Meghan starebbero infatti cercando il loro nido anche a Los Angeles. Pare che abbiano messo gli occhi su una lussuosissima villa a Malibu nella quale in passato ha vissuto Kylie Jenner e che disterebbe solo mezz’ora d’auto dalla casa della mamma della Markle, Doria Ragland. La struttura, dal valore di 7 milioni di dollari, è composta da otto camere da letto, 10 bagni, un cinema, una piscina e un campo da tennis.

Spese, che aggiunte a quelle che la coppia ha in programma per i servizi di sicurezza e per gli investimenti, hanno fatto storcere il naso oltre che agli inglesi anche ai canadesi. Con una nota ufficiale, il governo canadese ha confermato che nell’arco di poche settimane i due principi del Sussex niente peseranno più sulle casse dello Stato. Infatti la protezione di Harry e Meghan sarebbe montata a dieci milioni di dollari, circa. La stessa coppia aveva detto che non era loro intenzione pesare sul Canada ma che anzi sarebbero stati felici di collaborare con le associazioni benefiche del paese grazie alla loro fondazione. (fonte DAILY MAIL)