Hong Kong, prove di dialogo studenti-governo. Ma premier: non mi dimetto

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 ottobre 2014 1:39 | Ultimo aggiornamento: 3 ottobre 2014 0:47
Hong Kong, prove di dialogo studenti-governo. Ma premier: non mi dimetto

Hong Kong, prove di dialogo studenti-governo. Ma premier: non mi dimetto

HONG KONG – I leader della protesta studentesca a Hong Kong hanno accettato l’offerta di dialogo del governo. Un comunicato annuncia che avranno un incontro pubblico con la “chief secretary” Carrie Lam, ma specificando che insistono per le dimissioni del capo del governo Leung Chun-ying, “che sarà solo una questione di tempo”.

La Federazione studentesca di Hong Kong, che rappresenta la maggioranza dei manifestanti contro il governo, sottolinea che il premier “ha già perso la sua integrità e tradito la fiducia che le persone riponevano in lui”, perché “non solo ha rifiutato una vera riforma politica, ma ha ordinato un repressione violenta contro i manifestanti pacifici, utilizzando gas lacrimogeni”. Quindi, “le sue dimissioni sono una questione di tempo”.

La nota si conclude avvertendo che “la popolazione di Hong Kong continuerà il suo movimento di occupazione fino a quando non si arriverà ad un vero suffragio universale”. Il capo del governo di Hong Kong, pur dicendosi disponibile al dialogo, ha comunque ribadito di non avere nessuna intenzione di dimettersi