Il Papa si dimette. Tutte i precedenti nella storia: Celestino V, Gregorio XII…

Pubblicato il 11 Febbraio 2013 12:46 | Ultimo aggiornamento: 11 Febbraio 2013 13:11
Papa Benedetto XVI

Papa Benedetto XVI

ROMA – Papa Benedetto XVI si è dimesso. Ecco tutti gli altri casi nella storia della Chiesa:  Papa Clemente I (97), Papa Ponziano (in carica dal 230 al 235 Dc), Papa Silverio (in carica dal 536 al 537 Dc), Benedetto IX (1 maggio 1045), Gregorio VI (20 dicembre 1046), Celestino V (13 dicembre 1294) e Gregorio XII (4 luglio 1415).

In realtà il termine dimissioni non è corretto. Il Papa può abdicare, rinunciare alla carica.

L’atto di rinuncia è previsto dal canone 188 del Codice di Diritto Canonico. Ecco cosa prevede il diritto canonico nel caso di dimissioni:

Leggi anche: Il Papa si è dimesso: Benedetto XVI, fine teologo al soglio di Pietro. Il profilo

“Nel caso che il Romano Pontefice rinunci al suo ufficio, si richiede per la validità che la rinuncia sia fatta liberamente e che venga debitamente manifestata, non si richiede invece che qualcuno la accetti”.

Papa Benedetto XVI ha annunciato le dimissioni durante il Concistoro di oggi 11 febbraio per tre canonizzazioni. Ecco il testo delle parole di Papa Benedetto XVI:

“Carissimi Fratelli,
vi ho convocati a questo Concistoro non solo per le tre canonizzazioni, ma anche per comunicarvi una decisione di grande importanza per la vita della Chiesa. Dopo aver ripetutamente esaminato la mia coscienza davanti a Dio, sono pervenuto alla certezza che le mie forze, per l’età avanzata, non sono più adatte per esercitare in modo adeguato il ministero petrino. Sono ben consapevole che questo ministero, per la sua essenza spirituale, deve essere compiuto non solo con le opere e con le parole, ma non meno soffrendo e pregando. Tuttavia, nel mondo di oggi, soggetto a rapidi mutamenti e agitato da questioni di grande rilevanza per la vita della fede, per governare la barca di san Pietro e annunciare il Vangelo, è necessario anche il vigore sia del corpo, sia dell’animo, vigore che, negli ultimi mesi, in me è diminuito in modo tale da dover riconoscere la mia incapacità di amministrare bene il ministero a me affidato. Per questo, ben consapevole della gravità di questo atto, con piena libertà, dichiaro di rinunciare al ministero di Vescovo di Roma, Successore di San Pietro, a me affidato per mano dei Cardinali il 19 aprile 2005, in modo che, dal 28 febbraio 2013, alle ore 20,00, la sede di Roma, la sede di San Pietro, sarà vacante e dovrà essere convocato, da coloro a cui compete, il Conclave per l’elezione del nuovo Sommo Pontefice. Carissimi Fratelli, vi ringrazio di vero cuore per tutto l’amore e il lavoro con cui avete portato con me il peso del mio ministero, e chiedo perdono per tutti i miei difetti. Ora, affidiamo la Santa Chiesa alla cura del suo Sommo Pastore, Nostro Signore Gesù Cristo, e imploriamo la sua santa Madre Maria, affinché assista con la sua bontà materna i Padri Cardinali nell’eleggere il nuovo Sommo Pontefice. Per quanto mi riguarda, anche in futuro, vorrò servire di tutto cuore, con una vita dedicata alla preghiera, la Santa Chiesa di Dio”.