Cuba, arrestati e rilasciati cronisti italiani: indagavano sul caso di Lignano

Pubblicato il 29 settembre 2012 11:23 | Ultimo aggiornamento: 29 settembre 2012 12:27

Ilaria Cavo

ROMA – La giornalista di Mediaset e inviata di Videonews a Cuba Ilaria Cavo, il cronista del Messaggero Veneto Domenico Pecile, il fotoreporter del Corriere della Sera Stefano Cavicchi e l’operatore Fabio Tricarico sono stati arrestati, e poi rilasciati, a Cuba dove si trovavano per la vicenda del duplice omicidio di Lignano. I quattro saranno processati.

Secondo Claudio Brachino, direttore di Videonews – come riporta il sito di TgCom 24 di Mediaset – ieri sera la Cavo era con Tricarico e con Cavicchi e stava tornando a L’Avana, dopo aver realizzato una parte del reportage, quando è stata fermata dalle autorità. La rappresentanza diplomatica italiana è stata immediatamente avvertita. “Ilaria – ha detto Brachino – non ha fatto nulla di illegale. Ha realizzato interviste assolutamente lecite”.

La redazione del TgCom24 ha mandato in onda una intervista telefonica in diretta a Stefano Cavicchi, il quale ha riferito di ”essere stato interrogato per 12 ore” e di essere in attesa per questa mattina ”del processo che deciderà la nostra sorte”. Cavicchi ha anche aggiunto che ”passaporti e cellulari sono stati sequestrati” precisando di ”essere stato fermato da sei agenti che hanno fatto irruzione in casa di Reiver” mentre lui lo fotografava con la bambina nata in agosto e la moglie. Materiale fotografico e girato sono stati distrutti:”Computer e schede sono state tutte ripulite”.

Cavicchi ha segnalato che Reiver ”è molto sereno e dice di essere estraneo al duplice omicidio”. ”Dopo l’interrogatorio ci hanno riaccompagnati in hotel. Ho visto anche Ilaria – ha proseguito – sta bene ma è seccata per la bella intervista fatta che è stata ripulita, come è accaduto anche al collega di Udine, Pecile”. Il fotoreporter ha evidenziato di essere arrivato con i colleghi tre giorni fa a Cuba con un visto turistico. I poliziotti si sono mostrati ”molto puntigliosi e rigidissimi” ma non ci sono stati episodi particolari.

I cronisti erano sulle tracce di Reiver Laborde Rico, dagli inquirenti italiani sospettato di essere il complice della sorella Lisandra Rico nell’omicidio dei coniugi Burgato, uccisi a Lignano Sabbiadoro il 19 agosto scorso. Uno degli inviati arrestati, Domenico Pecile, firma sul Messaggero Veneto e sul Piccolo una intervista al presunto responsabile del duplice omicidio di Paolo Burgato e Rosetta Sostero, il giovane cubano Reiver Laborde Rico.

Questi, secondo quanto riportano i quotidiani, si sarebbe intrattenuto con l’inviato per qualche minuto, per sostenere la propria innocenza. ”Io con il delitto non ho nulla a che fare. Non sono scappato a Cuba ma sono tornato a Cuba perché stava nascendo la mia seconda figlia. Lo avevo detto a tutti, anche alla mia titolare della sala giochi”, dichiara Reiver all’inviato. In merito all’ arresto della sorella, Lisandra, il giovane afferma: ”Mia sorella è stata costretta a dire quelle cose, non c’entriamo nulla. E’ opera di gente con le palle”. Infine, ”la notte del duplice omicidio ero a casa, tranquillo, perché aspettavo di partire”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other