Immigrati, allarme sicurezza: “Foreign fighter dai Balcani”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 Dicembre 2015 12:41 | Ultimo aggiornamento: 16 Dicembre 2015 12:41
Immigrati, allarme sicurezza: "Foreign fighter dai Balcani"

Foreign fighter

ROMA – “La rotta balcanica preoccupa per due elementi di criticità: la possibile compresenza di foreign fighters e migranti e le tappe in zone dei Paesi balcanici con elevato tasso di radicalizzazione islamica”. A lanciare l’allarme è il direttore del Dipartimento delle informazioni per la sicurezza, Giampiero Massolo, in audizione davanti al Comitato parlamentare Schengen presieduto da Laura Ravetto.

“La rotta balcanica – ha ricordato Massolo e riporta il Giornale – in quanto più sicura e soggetta a controlli relativamente più laschi, è stata sempre quella attraverso la quale andavano e venivano i foreign fighters: recentemente vi si è aggiunto un flusso consistente (700mila quest’anno in Grecia) di migranti, economici ed asilanti, provenienti da Iraq, Siria, Afghanistan e questo aumenta i rischi di infiltrazioni”.

Per il resto, “non esistono evidenze della presenza di terroristi jihadisti tra i migranti che arrivano in Italia via mare, anche se possono esserci tra di loro soggetti più o meno radicalizzabili. Ma non ci sono legami diretti o progettualità”.