Immigrazione, Frontex: “Nel 2014 sbarchi in Italia aumentati dell’800%”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 Maggio 2014 12:24 | Ultimo aggiornamento: 14 Maggio 2014 12:24
Immigrazione, Frontex: "Nel 2014 sbarchi in Italia cresciuti dell'800%"

(Foto archivio Lapresse)

ROMA – Immigrazione, nei primi quattro mesi del 2014 c’è stato un aumento dell’823% di arrivi di migranti sulle coste italiane rispetto ad un anno prima. A dirlo, due giorni dopo l’ennesimo naufragio nel Canale di Sicilia, è il vice-direttore di Frontez, Gil Arias Fernandes. Da gennaio ad aprile 2014 si sono registrati 25.650 arrivi in Sicilia e 660 in Puglia e Calabria. 

Nonostante il livello di emergenza, il budget dell’Agenzia europea per la gestione delle frontiere nel 2014 è più basso di quello del 2013.

“Per far fronte ad eventuali emergenze, con la discussione del budget 2015, a marzo di quest’anno, avevamo chiesto la possibilità di avere una riserva di denaro extra budget, ma la Commissione Europea ce l’ha negata“,

ha spiegato il vicedirettore di Frontex, Gil Arias.

Le cifre arrivano due giorni dopo lultimo naufragio di una barca carica di migranti partiti dalle coste libiche, e affondata al largo di Lampedusa. Sono diciassette i morti accertati, ma ancora diverse decine di migranti risultano dispersi. Due scafisti, un tunisino e un marocchino entrambi di 23 anni, sono stati arrestati con l’accusa di presunto omicidio.

Sulla nuova strage nel Canale di Sicilia è intervenuto anche papa Francesco: 

“Preghiamo anche per le persone che in questi giorni hanno perso la vita nel Mare Mediterraneo. Si mettano al primo posto i diritti umani, preghiamo per questo, e si uniscano le forze per prevenire queste stragi vergognose”,

ha detto il pontefice durante l’udienza generale del mercoledì.