Usa-Messico. Legge immigrazione, alt del giudice e i latinos festeggiano

Pubblicato il 28 luglio 2010 23:34 | Ultimo aggiornamento: 28 luglio 2010 23:34

Proteste in Arizona

Il Messico tira un sospiro di sollievo: la decisione del giudice della Corte di Phoenix, Susan Bolton, che ha bloccato i punti chiave della nuova legge sull’immigrazione approvata ad aprile dall’Arizona, è stato subito accolta molto positivamente nel paese latinoamericano.

La notizia proveniente da Phoenix è subito schizzata tra i titoli principali nei web dei quotidiani e nelle reti tv di Citta’ del Messico. ‘Giudice blocca parte polemiche leggi Arizona’, afferma per esempio il sito del quotidiano El Universal, che nella stessa pagina ha una lunga analisi, precedente alla notizia giunta da Phoenix, con il seguente titolo: ”Autorità temono deportazione in massa messicani dall’Arizona”.

I media ricordano tra l’altro che nello Stato americano vivono circa 460 mila immigranti irregolari, gran parte dei quali ‘hispanos’, sottolineando inoltre che il Messico e gli Stati Uniti condividono una frontiera lunga 3.000 km. In questi giorni, analisti locali avevano tra l’altro ricordato che la legge ‘anti-latinos’ dell’Arizona poneva dei ”seri rischi” di carcere, o di deportazione, per almeno 6,5 milioni di messicani senza ‘papeles’, su un totale di 12 milioni di messicani residenti negli Stati Uniti.