India, minorenne scappa di casa per fuggire dagli abusi del padre: viene rapita e stuprata per quasi un mese

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 16 Ottobre 2020 13:47 | Ultimo aggiornamento: 16 Ottobre 2020 14:24
Stupro c'è anche se la donna ha un aspetto mascolino: prima assolti, ora condannati i due peruviani di Ancona

Stupro c’è anche se la donna ha un aspetto mascolino: prima assolti, ora condannati (Foto d’archivio Ansa)

Una notizia terribile dall’India, una ragazza è fuggita di casa perché veniva abusata dal padre ma è stata rapita e stuprata per quasi un mese.

Una ragazza di 17 anni rapita e stuprata ripetutamente in gruppo per un periodo di 22 giorni in una fattoria in India.

La ragazza, che era scappata di casa dopo una discussione con i suoi genitori il mese scorso, stava aspettando un autobus nella città orientale di Cuttack per tornare dalla sua famiglia quando un uomo le ha offerto un passaggio a casa sulla sua moto.

Invece di portarla a casa, Santosh Behera la portò in un allevamento di pollame in un villaggio remoto, dove la rinchiuse in una stanza dando inizio agli abusi.

La ragazza è stata rinchiusa per 22 giorni e violentata ripetutamente da due uomini, riferisce NDTV.

Il sospetto avrebbe filmato se stesso e il suo amico che aggredivano l’adolescente e ha minacciato di pubblicare il video sui social media o di ucciderla se avesse cercato di scappare, secondo l’Hindustan Times. Alla fine la polizia l’ha salvata.

Forze dell’ordine informate dalla gente del posto che sospettava attività illegali nella proprietà.

Un funzionario di polizia ha detto a NDTV che uno degli uomini è finito in manette ma il secondo rimane in libertà. Lanciata una caccia all’uomo per catturarlo.

La diciassettenne poi è finita in un orfanotrofio dopo aver incontrato i servizi sociali. Ovviamente è stata ritrovata in un pessimo stato sia fisico che mentale.

La ragazza era inizialmente scappata di casa per vivere con la sorella a Cuttack, incapace di sopportare gli abusi del padre, riferisce Hindustan Times. È stato suo cognato a decidere di rimandarla a casa.

Un politico, Nishikant Mishra, ha garantito alla famiglia della ragazza di ricevere 2.257 sterline in fondi di sostegno.

Altri casi di stupro.

L’India è uno dei luoghi più pericolosi al mondo per le donne, con uno stupro che si verifica in media ogni 15 minuti in base ai dati federali.

Secondo i dati del National Crime Records Bureau, in India ogni giorno l’anno scorso segnalati in media quasi 90 stupri. Ma si ritiene che molti non denunciano.

Martedì, è stato rivelato che un uomo che affermava di essere un “esorcista” ha violentato ripetutamente una ragazza di 14 anni per un periodo di tre mesi dopo aver detto ai suoi genitori che doveva usare “metodi tantrici per curarla”.

I genitori della ragazza la portarono dall’uomo, che affermava di essere uno stregone che offriva cure per una varietà di disturbi. Sperando di trovare una soluzione per le malattie fisiche e mentali dell’adolescente a luglio.

Lo “stregone” disse alla famiglia di frequentare i suoi uffici ogni settimana. Ha presumibilmente violentato la quattordicenne lì in ogni occasione.

Il mese scorso, una bambina di tre anni è stata violentata e strangolata in India come parte di una faida in corso tra famiglie rivali, ha affermato il padre della vittima (fonti Daily Mail, NDTV e Hindustan Times).