India, bimba di 3 anni stuprata. Rischia la vita

di Maria Elena Perrero
Pubblicato il 17 dicembre 2018 14:38 | Ultimo aggiornamento: 17 dicembre 2018 15:24
India, bimba di 3 anni stuprata. Rischia la vita

India, bimba di 3 anni stuprata. Rischia la vita (Foto Ansa)

MILANO  –  Ennesimo stupro di una bimba in India. Nella capitale, New Delhi, una piccola di tre anni è stata violentata nel condominio in cui abita dal custode dello stabile. La piccola è stata trovata domenica 16 dicembre priva di conoscenza e sanguinante sulle scale di casa a Delhi, nel quartiere di Bidanpur. Ricoverata in ospedale, è in prognosi riservata. Il custode, un uomo di 40 anni, è stato arrestato e rischia la pena di morte in base alle nuove leggi in vigore dopo il picco di stupri tra i minori. 

L’ennesima violenza ai danni di una bimba è stata compiuta proprio nel giorno dell’anniversario dello stupro che, sei anni fa, costò la vita ad una studentessa di 23 anni violentata su un autobus privato da sette uomini, tra cui l’autista. 

Quell’episodio ha infranto, almeno in parte, il muro di silenzio e di omertà che da sempre vigeva sugli stupri e sulle violenze sessuali, anche su bambini, in India. Nonostante la nuova consapevolezza e l’inasprimento delle pene, o forse anche per reazione, come sostengono alcuni psicologi sociali, alla quotidiana attenzione data al fenomeno dai media, le cifre sono pesantissime e in continuo aumento. 

Secondo recenti dati del governo indiano e dell’Unicwef, il 53% dei bambini indiani ha subito abusi: nel 2016 sono stati registrati oltre 19mila stupri su minori, in netto aumento rispetto agli 8mila del 2012. Ogni 155 minuti un bambino sotto i sedici anni subisce violenza, e ogni 13 ore uno sotto i dieci. Oltre 240 milioni di donne in India vengono date in spose prima di aver compiuto 18 anni.