India, non solo Blackberry: Dehli punta al controllo anche di Skype e Google

Pubblicato il 13 agosto 2010 13:37 | Ultimo aggiornamento: 13 agosto 2010 16:17

Il governo indiano, preoccupato per l’utilizzo da parte di gruppi terroristici di strumenti informatici di punta, intende ottenere accesso ai sistemi di codificazione dei messaggi nei cellulari Blackberry e anche esaminare i problemi legati all’utilizzazione via internet di Google, Skype ed altri servizi di posta e chat elettronici, secondo quanto scrive oggi il Financial Times.

Ieri a New Delhi presso il ministero dell’Interno si è tenuta una riunione sulla possibilità di chiedere alla compagnia canadese Research in Motion (Rim) di raggiungere un accordo per il controllo dei messaggi da lei criptati per conto di Blackberry. In mancanza di un accordo consensuale, l’India ha posto un ultimatum il 31 agosto a Rim per ottenere i codici per decriptare e-mail e sms.

Da parte sua oggi il quotidiano Financial Times sostiene, sulla base di un documento governativo entrato in suo possesso, che dopo aver trattato la questione Blackberry ora il governo indiano esaminerà anche i problemi posti da operatori come Google, Skype ed altri.

Secondo il giornale il 12 luglio scorso vi sarebbe stato un incontro a Mumbai fra il Dipartimento indiano delle telecomunicazioni e gli operatori locali per discutere ”possibili soluzioni” per mettere in grado le agenzie di intelligence indiane di intercettare e monitorare le comunicazioni codificate. ”Vi è stato consenso – dice il documento – sul fatto che vi è più di un tipo di servizio per cui debbono essere esplorate le soluzioni”. Ed ”è stato deciso – conclude il testo – di trattare prima la questione Blackberry e poi esaminare gli altri servizi”.

Dopo lo spettacolare attacco terroristico del novembre 2008 a Mumbai, che ha causato la morte di 170 persone, le autorità indiane hanno deciso di rivoluzionare i sistemi di sicurezza nazionali aumentandone l’efficienza, anche in vista dei Giochi del Commonwalth, che si svolgeranno in ottobre a New Delhi.