India, fa pipì davanti a casa: poi uccide l’inquilina che protesta

Pubblicato il 23 Novembre 2012 10:20 | Ultimo aggiornamento: 23 Novembre 2012 10:32
La ragazza indiana uccisa per essersi lamentata con il vicino di casa

La ragazza indiana uccisa per essersi lamentata con il vicino di casa

NEW DELHI – Si è lamentata con il vicino di casa che le aveva fatto la pipì in giardino. E lui l’ha ammazzata. E’ successo in India, a New Delhi, nel quartiere popolare di Nizammudin, dove negli ultimi anni sono aumentati i casi di violenza contro le donne. 

Una ragazza di 17 anni stava preparando la cena insieme alla madre, 40 anni, quando ha visto dalla porta aperta il suo vicino di casa ubriaco che urinava sulle scale. Le due donne si sono lamentate con l’uomo e gli hanno chiesto di andarsene.

In risposta l’uomo ha estratto una pistola calibro 7.65 e ha fatto fuoco contro le due donne, uccidendo la giovane e colpendo la madre che ora è ricoverata in prognosi riservata. Poi è scappato.

Solo una settimana fa due fratelli di una ricca famiglia indiana sono morti dopo una lite in una villa di lusso alla perfieria di New Delhi. Ponty Chanda, ”re delle rivendite di alcol” e costruttore edile, sarebbe stato ucciso per una questione di proprietà immobiliari dal fratello, anche lui morto nella sparatoria tra le guardie del corpo.