India, fuga di gas in impianto chimico investe villaggi confinanti: almeno 10 morti, 5mila ricoverati

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 Maggio 2020 8:11 | Ultimo aggiornamento: 7 Maggio 2020 8:48
India, fuga di gas in impianto chimico: almeno 5 morti, mille ricoverati

India, fuga di gas in impianto chimico: almeno 5 morti, mille ricoverati (foto da Twitter)

NEW DELHI – Oltre 5mila persone sono state ricoverate questa mattina, 7 maggio, dopo una fuga di gas in un impianto chimico in una città nel sudest dell’India.

E’ successo a Visakhapatnam, città portuale nell’Andhra Pradesh.

Un bilancio iniziale parla di dieci morti, tra cui una bambina di 8 anni, ma le autorità temono che possa aggravarsi pesantemente.

La perdita di gas si è verificata nello stabilimento LG Polymers tra le 2.30 e le 3 del mattino e, secondo quanto riferito, si è diffusa in un raggio di circa tre chilometri, interessando almeno cinque villaggi, tra cui Venkatapuram, Padmapuram, e Kamparapalem.

Un commissario di polizia ha affermato che circa 100-200 persone sono state trasferite al King George Hospital con problemi respiratori e vomito.

Secondo i rapporti iniziali si è verificata una perdita di gas e le persone nei dintorni sono state investite dalla nube.

Secondo un residente, la polizia ha raggiunto il punto intorno alle 3 del mattino e ha avvisato i residenti usando altoparlanti e sirena.

Il commissario di polizia ha dichiarato che la polizia ha dovuto aprire le porte delle abitazioni per sgomberare i residenti.

Gestita dalla LG Polymers, la fabbrica si trova nella periferia di Visakhapatnam. 

“Abbiamo ricevuto una chiamata di emergenza dagli abitanti del villaggio intorno alle 3.30 (ora locale, mezzanotte in Italia). Hanno detto che c’era del gas nell’aria”, ha raccontato una fonte della polizia all’ Hindutimes.

“Nella zona è difficile rimanere più di un minuto”, ha aggiunto. (fonte ANSA, HINDUTIMES)