India, incubo stupri. Donna violentata e uccisa da 8 uomini

Pubblicato il 30 Dicembre 2012 10:21 | Ultimo aggiornamento: 30 Dicembre 2012 10:21
Una foto della manifestazione contro la violenza sulle donne in India

Una foto della manifestazione contro la violenza sulle donne in India

INDIA –  A Calcutta una donna di 45 anni è stata uccisa dopo essere stata stuprata da otto uomini nella città di Varasat. Il marito, che ha cercato di opporsi e di difendere la donna è stato picchiato e adesso si trova ora in ospedale in grave condizioni.

Ricostruzione. La coppia stava rientrando a casa dal lavoro quando gli otto individui l’ha fermata cominciando a molestare la donna. Alcuni hanno tenuto fermo il marito picchiandolo, mentre gli altri hanno portato via la moglie.
Quando l’uomo e’ riuscito a liberarsi ha chiamato i vicini ed insieme si sono messi a cercare la donna. L’hanno trovata senza vita, seminuda, vicino ad uno stagno. Il figlio della coppia ha raccontato che la madre aveva ferite anche sulla testa. Il padre e’ riuscito ad identificare uno degli stupratori.

Un altro episodio di violenza contro le donne in India dopo la brutale violenza sessuale contro una studentessa di 23 anni stuprata ‘da un branco’ di sei individui su un autobus il 16 dicembre a New Delhi. Studentessa morta ieri nell’Ospedale Mount Elizabeth di Singapore.

Gli imputati, in carcere da giorni, per l’omicidio della studentessa sono: Ram Singh (33 anni, autista), Makesh Singh (31, autista e fratello minore di Ram), Pawan Gupta (19, fruttivendolo), Vijay Sharma (20, assistente in una palestra, ha chiesto di «essere impiccato»), Akshay Kr Singh (20, aiutante nell’autobus utilizzato come Scuola-bus) e un minorenne di identità sconosciuta.

I media e le tv indiane ieri hanno coperto con trasmissioni non-stop per tutta la giornata di sabato 29 dicembre 2012 le manifestazioni, le marce e le fiaccolate contro la violenza delle donne.