India: bruciato vivo il capo del personale della fabbrica Maruti-Suzuki

Pubblicato il 20 luglio 2012 13:21 | Ultimo aggiornamento: 20 luglio 2012 13:21
maruti-suzuki india

La fabbrica Maruti-Suzuki a Manesar, India

ROMA – Non si era mai visto nella storia delle controversie in fabbrica: in India è stato bruciato vivo il direttore del personale di uno stabilimento del gruppo Maruti-Suzuki. I feriti si contano a decine, violentissimi sono stati gli scontri tra operai e responsabili dell’azienda. Il corpo di Avnish Kumar Dev è stato abbandonato carbonizzato nella sala conferenze della fabbrica di Manesar, a circa 50 chilometri dalla capitale Nuova Delhi. Il controllo della società, il pacchetto di maggioranza, è detenuto dalla giapponese Suzuki.

All’origine della violenza ci sarebbe l’aggressione di un operaio nei confronti di un caporeparto. Secondo i sindacati, proprio al caporeparto vanno attribuite vessazioni e maltrattamenti. La Maruti fa sapere che “i dipendenti armati di spranghe hanno poi colpito dei responsabili alla testa, alle gambe e alla schiena, provocando emorragie e svenimenti”. A parte il clamore e il cordoglio seguiti agli incidenti, preoccupa la situazione economica del gruppo. La produzione è ferma e una data di riapertura della filiale non c’è. Il titolo del gruppo è precipitato alla Borsa di Mumbai del 9%. La filiale di Manesar produce 55 mila veicoli l’anno. Maruti-Suzuki è un gruppo finito nell’orbita Fiat: la joint venture Fiat India e Tata ha raggiunto l’anno scorso l’accordo per produrre 100 mila motori in tre anni.

 

 

 

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other