Indonesia, muore attaccato da un coccodrillo. Folla inferocita uccide 292 rettili

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 luglio 2018 14:35 | Ultimo aggiornamento: 16 luglio 2018 14:35
indonesia coccodrilli

Indonesia, muore attaccato da un coccodrillo. Folla inferocita uccide 292 rettili

ROMA – Una folla inferocita ha ucciso circa 300 coccodrilli in un’oasi per gli animali nella provincia indonesiana della Papua Occidentale, dopo che un residente locale è stato ucciso dai rettili. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Come riporta la BBC, il  gruppo di persone armate di vanghe, coltelli e mazze ha fatto irruzione nella riserva per coccodrilli marini, devastato l’ufficio del sito e ucciso tutti e 292 gli esemplari allevati in loco. È quanto riferiscono oggi le autorità, aggiungendo che la “vendetta” ha avuto luogo due giorni fa, al termine dei funerali della vittima.

I funzionari hanno detto di non essere stati in grado di fermare l’attacco e ora possono sporgere denuncia. L’uccisione di una specie protetta è un crimine che comporta un’ammenda o la reclusione in Indonesia. Il coccodrillo marino della Nuova Guinea è diffuso in diverse zone dell’Indocina, ma estintasi in Vietnam, nel Laos e in Thailandia e la popolazione complessiva è in rapido calo.

Stando alle ricostruzioni, il 48enne noto come Sugito sarebbe morto dopo essere caduto nel recinto di un allevamento di coccodrilli, mentre cercava l’erba per nutrire il suo bestiame: è stato morso ad una gamba e poi colpito a morte dalla coda di uno dei coccodrilli. Già infuriati per la vicinanza dell’allevamento alla zona residenziale, le autorità riferiscono che i parenti della vittima e gli abitanti del luogo si sono diretti verso la stazione della polizia. Bassar Manulang, capo dell’agenzia di conservazione locale, ha dichiarato che l’oasi ha accettato di pagare un risarcimento.

“Abbiamo raggiunto un accordo con la famiglia della vittima e abbiamo espresso le nostre condoglianze”, aggiunge. Ma evidentemente la folla, costituita da “centinaia di persone”, non era ancora appagata: si così è diretta verso l’allevamento di coccodrilli armata di tutto punto e ha ucciso tutti quanti i rettili presenti. In inferiorità numerica, i funzionari delle Forze dell’ordine raccontano di non aver potuto fermarli. Le autorità dichiarano che al momento sono ancora in corso le indagini sulla carneficina dei rettili. “Stiamo interrogando i testimoni”, afferma Dewa Made Sidan Sutrahna, capo della polizia del distretto di Sorong.