Ingoia una lumaca per scommessa, salvo dopo un mese in coma

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 novembre 2018 7:05 | Ultimo aggiornamento: 13 novembre 2018 18:23
lumaca malattia

Ingoia una lumaca per scommessa, salvo dopo un mese in coma

SYDNEY – Liam McGuigan, 27 anni, originario del Queensland, Australia, dieci anni fa è guarito miracolosamente dopo aver ingoiato una lumaca infettata da un parassita, Angiostrongylus cantonensis, noto come il verme del polmone di ratto.

McGuigan, che ora conduce una vita normale, racconta la sua storia in seguito alla morte del 29enne Sam Ballard, ex promessa del rugby australiano che aveva contratto la stessa letale malattia nota come meningite eosinofila, per avvertire i giovani a non commettere lo stesso errore. 

L’incidente era avvenuto nella Sunshine Coast, McGuigan aveva 17 anni e si trovava in un campo estivo di football con gli amici. 

Una sera, mentre il gruppo stava andando a cena, un amico aveva sfidato per 10 dollari McGuigan se avesse mangiato una lumaca che avevano visto sul sentiero.

“Ho pensato, cosa potrà mai accadere?” ha riferito McGuigan al Daily Mail Australia, ma la lumaca aveva mangiato escrementi di topi ed era stata infettata dall’Angiostrongylus cantonensis.

Da quel momento per McGuigan è iniziato il calvario: inizialmente i sintomi furono scambiati per appendicite e fu operato ma le condizioni fisiche peggiorarono rapidamente. Fu nuovamente ricoverato in ospedale ed ebbe un crollo, il corpo non reagiva. 

Quando la lumaca morì, il verme parassita si stabilì nel midollo spinale e si fece strada fino al cervello.

McGuigan uscì dal coma dopo un mese, era dimagrito 47 chili. 

A differenza di McGuigan, Sam Ballard non si è mai ripreso dalla malattia, era costretto a vivere sulla sedie a rotelle ed è morto a causa di una complicazione legata alla condizione, dopo 10 anni di sofferenze.