I topi invadono l’Australia e potrebbe durare anni: raccolti a rischio, ora tremano le grandi città

di Giampaolo Scacchi
Pubblicato il 30 Maggio 2021 12:00 | Ultimo aggiornamento: 30 Maggio 2021 13:13
Australia invasione topi

Australia, l’invasione dei topi potrebbe durare anni: raccolti a rischio, ora tremano le grandi città (foto ANSA)

I topi invadono l’Australia, l’implacabile invasione di topi, senza un intervento urgente per eliminarli potrebbe durare due anni, riferisce Giampaolo Scacchi. Gli agricoltori stanno abbandonando i raccolti ma gli esperti avvertono che i roditori iniziano a moltiplicarsi a Sydney.

Invasione di topi in Australia, raccolti a rischio

Xavier Martin, vicepresidente di NSW Farmers, ha spiegato che i coltivatori stanno abbandonando i campi e si teme che i raccolti seminati durante l’inverno vengano divorati dai topi prima di poter essere raccolti. “Senza uno sforzo concertato di esche velenose, l’invasione potrebbe andare avanti per due anni” ha avvertito Martin mentre il governo australiano ha annunciato di essere pronto, non appena ci sarà l’approvazione degli stati, a distribuire gratuitamente uno dei veleni più mortali al mondo.

E’ il bromadiolone, un potente rodenticida anticoagulante che causa la morte per emorragie interne. Il suo utilizzo è controverso a causa degli effetti che potrebbe avere sull’ambiente. Martin ha avvertito che potrebbe essere troppo tardi per fermare l’assalto di topi e presto potrebbero diffondersi dalle campagne alle città.

Topi si dirigono nella grandi città

Parlando al Daily Telegraph, il cacciatore di animali nocivi Dieter Mafra ha spiegato che i topi probabilmente si stanno spostando verso città come Sydney su camion che trasportano cibo e altri veicoli. Con l’avvicinarsi dell’inverno, i topi cercheranno rifugio nelle case cittadine, il che significa che le scene viste in campagna – roditori che mordono le persone mentre dormono – potrebbero presto ripetersi nei centri urbani. “Si recheranno a Sydney, direi entro agosto”, ha detto Mafra.

Ciclicamente, ogni dieci anni circa,  in Australia ci sono delle invasioni di topi che colpiscono le aree agricole dove si produce grano. Le forti piogge del 2020 hanno posto fine a due anni si siccità e si sono create le condizioni per ottimi raccolti.

Alla fine della stagione, gli agricoltori avevano grandi quantità di raccolti da immagazzinare nei silos e capannoni, diventati immediatamente un richiamo irresistibile per i topi.

Ciò che è iniziato nel Nuovo Galles del Sud si è poi diffuso nel Queensland e nell’Australia meridionale e non mostra segni di rallentamento. Una mappa creata dall’Organizzazione per la ricerca scientifica e industriale del Commonwealth mostra come negli ultimi mesi gli avvistamenti siano aumentati e si siano diffusi.

I topi hanno già causato milioni di dollari di danni alle case e ai mezzi di sostentamento, il governo del Nuovo Galles ha annunciato un pacchetto di aiuti da 50 milioni di dollari. Ma Martin ha avvertito che i soldi, insieme al letale veleno, potrebbero essere troppo pochi e arrivare troppo tardi.