Iran: le autorità chiudono un ufficio di Farsi1, tv del gruppo Murdoch. Cinque arresti

Pubblicato il 7 Dicembre 2010 23:51 | Ultimo aggiornamento: 8 Dicembre 2010 0:43

Le autorità iraniane hanno chiuso l’ufficio a Teheran della tv satellitare ‘Farsi1’, in parte controllata della News Corp di Rupert Murdoch, e hanno arrestato cinque dipendenti con l’accusa di ”aiutare il movimento antirivoluzionario”. Lo ha reso noto l’agenzia semiufficiale Mehr.

Il canale è particolarmente seguito in Iran per la sua programmazione dedicata a soap opera e sitcom straniere doppiate in persiano. Il procuratore generale di Teheran, Abbas Jafari Dolatabadi, ha affermato che l’ufficio di Farsi1 nella capitale ha trasmesso serie tv sottotitolate in persiano ”allo scopo di aiutare il movimento antirivoluzionario”, stando a quanto riferito dall’agenzia Mehr, ”per questo è stato chiuso e cinque persone sono state arrestate. Nell’ufficio c’era equipaggiamento avanzato e noi ci chiediamo come questo possa essere stato importato e installato”.

Dolatabadi non ha fornito ulteriori dettagli né ha specificato quando l’ufficio sia stato chiuso. Creato nell’agosto 2009 ad Abu Dhabi dalla Moby Media Group del finanziere afghano-australiano Saad Mohseni insieme ad una società di Hong Kong controllata dalla News Corp del magnate Robert Murdoch, il canale satellitare ‘Farsi1’ ha rapidamente fatto breccia nel gradimento del pubblico iraniano, preoccupando per questo le autorità di Teheran. Circa tre settimane fa il suo sito Internet aveva subito un ciber-attacco da un gruppo di hacker denominato Esercito cibernetico iraniano che si è introdotto sul sito rivolgendo minacce ai suoi ”partner sionisti”.