Iran, Clotilde Reiss: “Non sono mai stata una spia”

Pubblicato il 19 maggio 2010 11:47 | Ultimo aggiornamento: 19 maggio 2010 13:51

“Non ho mai avuto rapporti con i servizi segreti”: così Clotilde Reiss, la studentessa francese liberata domenica scorsa dopo essere stata arrestata in Iran nel luglio 2009, ha smentito oggi quanto riferito da un ex 007 al suo rientro in Francia.

Secondo quanto raccontato dall’agente Pierre Siramy, la giovane avrebbe collaborato con i servizi segreti americani da Teheran. “Non conosco le persone che sostengono che sono stata una matricola”, ha aggiunto la Reiss, smentendo “categoricamente le menzogne” dell’ex membro della Direzione generale della sicurezza francese (Dgse) Siramy.

Quest’ultimo, in un intervento alla tv all news Lci, aveva affermato che la Reiss aveva lavorato per loro come informatrice. La Reiss conferma oggi quanto già ribadito nei giorni scorsi dal governo francese, che aveva reagito immediatamente alle dichiarazioni dell’ex 007.

“Sono sotto shock per il clima di sospetto che ho trovato nel mio paese – ha continuato la Reiss – mentre è esattamente quello che ho vissuto in Iran”.