Iran, Roxana Saberi/ Sciopero della fame in tutto il mondo per ottenere la scarcerazione della giornalista

Pubblicato il 3 maggio 2009 19:45 | Ultimo aggiornamento: 3 maggio 2009 19:45

Oltre 200 volontari in tutto il mondo hanno aderito ad uno sciopero della fame in solidarietà con Roxana Saberi lanciato domenica in occasione della Giornata internazionale per la libertà di stampa.

L’iniziativa, promossa da professori e studenti dell’Università  NorthWestern di Chicago dove Roxana si è laureata in giornalismo nel 1999, si unisce allo sciopero della fame simbolico di quattro membri di «Reporters Sans Frontières» iniziato martedì 28 aprile.

Entrambi mirano a fare pressione sulle autorità iraniane per ottenere il rilascio della giornalista irano-americana di 32 anni arrestata a Teheran lo scorso 31 gennaio e condannata a 8 anni di carcere per spionaggio in favore degli Stati Uniti.

Roxana, in attesa del processo d’appello (data non ancora fissata), ha iniziato il 21 aprile uno sciopero della fame, secondo il padre Reza Saberi. La magistratura di Teheran ha negato che stia digiunando, ma il padre sostiene che ha perso quasi cinque chili. Entrambe le iniziative mirano a «prendere il suo posto», anche per convincerla a smettere di digiunare.

Anche il presidente degli Stati Uniti Barack Obama si è detto preoccupato per la sorte della Saberi ed ha sollecitato le autorità iraniane a liberarla.