Iran, Ruhollah Zam giustiziato dal regime. Dissidente e giornalista, colpevole di “corruzione sulla Terra”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 Dicembre 2020 10:23 | Ultimo aggiornamento: 12 Dicembre 2020 10:23
Iran, Ruhollah Zam

Iran, Ruhollah Zam giustiziato (Ansa)

Iran, Ruhollah Zam è stato giustiziato, mediante impiccagione. Questa mattina la condanna a morte dell’ex leader dell’opposizione e giornalista che aveva vissuto in esilio in Francia e aveva partecipato alle manifestazioni di protesta contro il regime degli ayatollah.

Lo ha annunciato la televisione di stato. Zam, figlio di un esponente religioso,lo hanno riconosciuto colpevole di ‘corruzione sulla Terra’.

Iran, Ruhollah Zam giustiziato, l’annuncio della tv di Stato

Il regime lo ha impiccato per una serie di reati connessi alla sua attività di giornalista responsabile del sito Amadnews. Il sito è arrivato ad avere 1,4 milioni di lettori attraverso la piattaforma Telegram.

Non gli perdonava, il regime, l’istigazione alle proteste contro il carovita nell’inverno 2017-2018, proteste che esplosero in decine di città iraniane, con un bilancio di almeno 25 morti.

Zam aveva diffuso diversi video su quelle manifestazioni e pubblicato informazioni su episodi di corruzione tra esponenti delle istituzioni. Lo accusavano di essere una spia venduta ai nemici della Repubblica islamica.

La cattura in Iraq, viveva in esilio in Francia

Di avere agito per conto dei servizi segreti francesi, con il sostegno di quelli degli Usa e di Israele. Le modalità del suo arresto restano poco chiare. Risiedeva da molto tempo in Francia, dove ha ottenuto lo status di rifugiato politico.

L’intelligence iraniana l’ha catturato durante una visita in Iraq, il ritorno forzato in patria nell’ottobre 2019. (fonte Ansa)