Iran, operazione “Soleimani Martire”: razzi contro la base irachena di al-Asad che ospita militari Usa

di redazione Blitz
Pubblicato il 8 Gennaio 2020 0:58 | Ultimo aggiornamento: 8 Gennaio 2020 1:32
missili base usa iraq twitter

Una delle prime immagini postate su Twitter dopo l’attacco

ROMA – L’Iran ha cominciato l’annunciata rappresaglia nei confronti degli Usa, a seguito dell’uccisione del generale Qassem Soleimani. Tredici missili iraniani hanno colpito la base militare di Ain Al Asad a Erbil, nel nord dell’Iraq. La base ospita anche militari americani.  

La tv iraniana, citando la Guardia Rivoluzionaria, parla dell’avvio dell’operazione “Soleimani Martire”. Questa la nota dell’agenzia iraniana Isna: “Coraggiosi combattenti dell’Air Force dell’IRGC hanno lanciato un’operazione di successo chiamata Operazione Martire Soleimani, con il codice ‘Oh Zahra’ sparando decine di missili terra-terra sulla base delle forze terroristiche e invasive degli Stati Uniti”.

“La feroce vendetta della Guardia Rivoluzionaria è iniziata” afferma ancora l’agenzia. Il riferimento è alla morte del generale Qassem Soleimani.

A Fox News, una fonte dell’esercito americano allarga il raggio di azione e parla di “missili contro militari americani” che sarebbero stato lanciati in diversi luoghi dell’Iraq in quella che sembrano “una serie di attacchi dall’Iran”.”Siamo sotto attacco missilistico in Iraq da parte dell’Iran”, afferma la fonte di Fox che parla sia sia di missili cruise sia di missili balistici a corto raggio “in tutto il Paese”.

I missili avrebbero colpito anche un’area vicino alla base aerea di al-Anbar tra gli altri luoghi. Non ci sono al momento notizie di feriti o danni.

La Casa Bianca ha fatto sapere che il presidente Donald Trump è stato informato e sta monitorando la situazione. Intanto le quotazioni del petrolio salgono per via del raid iraniano e il greggio supera i 64 dollari al barile.  

Fonte: Ansa