Iraq. Ambasciatore Onu, jihadisti hanno preso materiale nucleare

Pubblicato il 10 Luglio 2014 18:17 | Ultimo aggiornamento: 10 Luglio 2014 18:17
Jihadisti in Iraq

Jihadisti in Iraq

USA, NEW YORK – I ribelli jihadisti in Iraq hanno sequestrato materiale nucleare utilizzato per la ricerca scientifica in un’universita’ nel nord del Paese. Lo scrive l’ambasciatore iracheno all’Onu, Moohamed Ali Alhakin, in una lettera inviata al segretario generale Ban Ki-moon, nella quale chiede aiuto “per allontanare la minaccia che tale materiale venga usato da parte dei terroristi nel Paese o all’estero”.

“Sono stati presi quasi 40 kg di composti di uranio all’universita’ di Mosul”, ha scritto il delegato. Alhakim ha poi sottolineato che “i gruppi terroristici hanno preso il controllo di materiale nucleare che puo’ essere usato nella produzione di armi di distruzione di massa”.

Ma secondo quanto fatto sapere da un portavoce dell’Aiea (l’Agenzia internazionale dell’energia atomica), si dovrebbe trattare viceversa di “uranio a basso grado” di arricchimento, “che non presenta un rilevante rischio per la sicurezza, o per la proliferazione nucleare” in quanto sarebbe difficile riuscire ad utilizzarlo per la produzione di un’arma.