Iraq, razzo contro gli uffici delle compagnie petrolifere straniere a Bassora. C’è anche l’Eni

di Maria Elena Perrero
Pubblicato il 19 Giugno 2019 11:24 | Ultimo aggiornamento: 19 Giugno 2019 11:24
Iraq, razzo contro gli uffici delle compagnie petrolifere straniere a Bassora. C'è anche l'Eni

Iraq, razzo contro gli uffici delle compagnie petrolifere straniere a Bassora. C’è anche l’Eni

MILANO –  Razzo contro un compound di uffici di compagnie petrolifere occidentali, tra cui l’Eni, vicino a Bassora, nel sud dell’Iraq. Secondo quanto riferisce la televisione panaraba Al Jazeera, tre impiegati iracheni sarebbero rimasti feriti.

Il compound colpito è quello di Burjesia, ad ovest di Bassora, che ospita anche gli uffici della americana ExxonMobil e dell’olandese Shell. La Exxon, riferisce sempre Al Jazeera, avrebbe evacuato ventuno dipendenti stranieri. 

L’episodio di oggi, 19 giugno, si inserisce nel quadro delle crescenti tensioni fra Stati Uniti e Iran che hanno visto nelle scorse settimane esplosioni a bordo di sei petroliere nei pressi dello Stretto di Hormuz. Questi attacchi sono stati imputati dagli Stati Uniti e dal loro alleato nella regione, l’Arabia Saudita, proprio alla Repubblica islamica, e si inseriscono in un clima di tensione crescente tra Washington e Teheran in seguito alle rinnovate sanzioni americane e all’inserimento delle Guardie della Rivoluzione (i Pasdaran) nella lista dei gruppi terroristi. 

Gli Stati Uniti sono primi presenti in Iraq con 5.000 soldati, mentre Teheran sostiene le potenti milizie sciite paramilitari. Lo scorso mese Washington ha evacuato centinaia di funzionari diplomatici dalla sua ambasciata di Baghdad, parlando di non meglio specificate minacce da parte iraniana. (Fonti: Al Jazeera, Reuters)