Cronaca Mondo

Irma fa paura ma non a Richard Branson: si è barricato nel bunker anti-uragano

Irma fa paura ma non a Richard Branson: si è barricato nel bunker anti-uragano

Irma fa paura ma non a Richard Branson: si è barricato nel bunker anti-uragano

MIAMI – Irma fa paura, ma non a Richard Branson che, nonostante i danni subìti, sulla sua isola di Necker, isole Vergini britanniche, si sente al sicuro, barricato nella cantina dei vini, nel bunker in calcestruzzo realizzato per sopravvivere agli uragani.

L’uragano Irma ha completamente distrutto la sua villa, ma il tycoon della Virgin è sopravvissuto rifugiandosi nel bunker; il figlio Sam, su Instagram ha rassicurato i followers dicendo che il padre e lo staff erano “OK” ma sottolineato che Irma, a Necker aveva fatto parecchi danni.

“Nelle isole Vergini britanniche no cellulare, né WiFi “, nella capitale Road Town “molti tetti sono divelti”. Sam Branson, ha descritto i gravissimi danni in tutte le isole Vergini britanniche, sottolineato che ci sono “molte macerie” e esortato le persone alla prudenza. Cane Garden Bay, sull’isola di Tortola, è “distrutta all’80%” e conclude il post con un monito:

“La natura ci sta avvertendo nuovamente dell’impatto dei cambiamenti climatici. Dobbiamo tutti fare di più”.

Il suo messaggio è simile a quello scritto il giorno precedente, in cui ha comunicato che

“tutti sull’isola di Necker stanno bene ma la maggior parte degli edifici sono distrutti e l’abitazione principale è inabitabile”.

Parlando dell’esperienza, mercoledì scorso Richard Branson sul suo blog ha scritto:

“La forza dell’uragano si manifesterà tra circa cinque ore, andiamo nella cantina dei vini, sotto la Great House (grande casa). Conoscendo il nostro meraviglioso team, sospetto che quando riemergeremo, sarà rimasto poco vino”.

L’isola privata di Branson, ospita una varietà di animali, tra cui più di 80 lemuri, centinaia di fenicotteri, uccelli esotici e i quasi estinti iguana Anegada di cui per tutto l’anno il personale del miliardario si prende cura, ma non è noto dove si siano rifugiati durante l’uragano. Sembra, tuttavia, che stiano tutti salvi.

To Top