Isis, Amira Abase: 16enne inglese sparita sposa combattente in Siria

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 luglio 2015 20:09 | Ultimo aggiornamento: 12 luglio 2015 20:09
Isis, Amira Abase: 16enne inglese sparita sposa combattente in Siria

Amira in fuga con due amiche

LONDRA – Matrimonio benedetto dall’Isis fra Amira Abase, una delle tre 16enni britanniche fuggite da Londra a febbraio alla volta della Siria per offrirsi in spose ai jihadisti, e Abdullah Elmir, 18enne dai capelli rossi approdato nel cosiddetto Stato Islamico dalla lontana Australia un anno fa.

Ad annunciarlo, in un post recapitato alla stampa londinese, è stato lo stesso Abdullah, fattosi notare nei mesi scorsi con alcuni videomessaggi minatori contro l’Occidente e ridicolizzato poi dai tabloid con il nomignolo di ‘ginger jihadi’. Per celebrare l’evento a modo suo, il giovane (per metà di sangue australiano e per metà libanese) ha inviato un messaggio al Mail on Sunday in cui esalta l’attentatore che il 26 giugno ha fatto strage sulla spiaggia di Sousse, in Tunisia, uccidendo 38 persone fra cui 30 turisti britannici.

“Possa Allah benedire l’uomo che ha sterminato quegli immondi infedeli e concedergli il posto più alto in paradiso”, ha scritto. Amira, ragazza di origine etiope cresciuta in Gran Bretagna, si è limitata da parte sua a far sapere via web – inneggiando anche lei all’attacco di Sousse – di avere un promesso sposo “nato musulmano: mezzo australiano e mezzo libanese”.