Isis fa strage a Palmira: 400 morti, molte donne e bambini

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 Maggio 2015 16:24 | Ultimo aggiornamento: 24 Maggio 2015 16:25
Isis fa strage a Palmira: 400 morti, molte donne  bambini

Isis fa strage a Palmira: 400 morti, molte donne bambini

DAMASCO – Oltre 400 vittime civili, tra ci molte donne e bambini, uccise dall’Isis, i cadaveri allineati per le strade di Palmira, la città siriana patrimonio dell’Unesco che è stata conquistata quattro giorni fa dalla jihad. La notizia è stata diffusa dai media di Stato di Damasco. L’agenzia di stampa siriana Sana ha intervistato alcuni abitanti della cittadina, abitata da 50mila persone: “I terroristi hanno ucciso più di 400 persone, mutilando i loro corpi, con il pretesto che collaborassero con il governo e non seguissero gli ordini”, hanno raccontato.

Molte delle vittime erano dipendenti statali, tra cui anche il capo degli infermieri all’ospedale locale e tutta la sua famiglia. Gli attivisti hanno confermato che centinaia di corpi, ritenuti di lealisti del governo di Assad, giacciono nelle strade. L’Osservatorio siriano per i diritti umani ha specificato che alcune persone sono state decapitate da quando l’Isis è entrato a Palmira, ma non ha fornito numeri. Sarebbero invece 300, secondo la stessa fonte, i soldati che sono morti negli scontri precedenti alla caduta della città. Le due vittorie quasi simultanee di Ramadi, in Iraq, e di almira in Siria, sono state i maggiori successi del gruppo jihadista da quando la coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti lo scorso anno ha dato il via alla guerra contro i suoi combattenti.

Si teme molto anche per i monumenti storici e artistici caduti nelle mani dei jihadisti Isis, infatti fino a ora, nelle città cadute sotto il loro controllo, ogni segno dell’antichità è stato distrutto come simbolo ritenuto pagano.