Isis. Genitori ostaggio sgozzato Foley, ”governo americano non ci ha aiutato”

Pubblicato il 27 febbraio 2015 12:25 | Ultimo aggiornamento: 27 febbraio 2015 12:25
James Foley

James Foley

USA, PHOENIX -I genitori di James Foley, il primo cittadino statunitense vittima dell’Isis, lamentano di essere stati abbandonati dal governo americano durante la lunga prigionia del figlio.

E lo fanno a poche ore di distanza dalle rivelazioni sull’identita’ di Mohamed Emwazi, il boia piu’ ricercato dell’Isis e assassino dello stesso Foley.

Diane e John Foley hanno parlato davanti a un vasto pubblico all’universita’ dell’Arizona. Al dibattito hanno partecipato anche Terry Anderson, l’ex direttore regionale dell’Associated Press prigioniero della Jihad Islamica in Libano dal 1985 al 1991, e David McGraw, rappresentante legale del New York Times.

5 x 1000

I genitori di Foley hanno denunciato che il governo li ha ignorati e non aiutati mentre il loro figlio James, giornalista freelance, era tenuto prigioniero. Foley era stato rapito in Siria nel 2012 e ucciso nel 2014.

Terry Anderson, che ora insegna all’universita’ della Florida, ha detto che il giornalismo e’ importantissimo per la democrazia e in particolare i giornalisti freelance affrontano situazioni pericolose.