Cronaca Mondo

Isis, raid russo in Siria: ucciso il “ministro della guerra” Gulmurod Khalimov

Isis, raid russo in Siria: ucciso il "ministro della guerra" Gulmurod Khalimov

Isis, raid russo in Siria: ucciso il “ministro della guerra” Gulmurod Khalimov

MOSCA – Raid russo in Siria, vicino a Deir ez Zor, ancora parzialmente nelle mani dell’Isis: uccisi 40 miliziani jihadisti e quattro importanti “comandanti” di Daesh. L’annuncio arriva da Mosca, che ha reso noto che i jet russi hanno compiuto dei raid in prossimità della città siriana distruggendo un centro di comando militante e uno snodo di comunicazione, eliminando quattro importanti comandanti, tra cui ‘il ministro della guerra’ dell’Isis Gulmurod Khalimov.

Non è la prima volta che viene annunciata la morte di Khalimov anche se la notizia non ha, in passato, mai trovato conferma. “È stato confermato – prosegue il ministero della Difesa della Federazione – che quattro importanti comandanti militari sono stati eliminati, tra cui il cosiddetto Emiro di Deir ez-Zor Abu Muhammad al-Shimali, responsabile degli affari finanziari e del trasferimento delle reclute ai campi di addestramento dell’Isis nonché il cosiddetto ‘ministro della guerra’ Gulmurod Khalimov”.

Khalimov era un ex comandante delle forze speciali del Ministero degli Interni del Tagikistan. Nel maggio del 2015, insieme a sei dei suoi soldati, è entrato a far parte dell’Isis. Dopo che Abu Omar al-Shishani fu ucciso, Khalimov divenne il ministro di guerra. Già lo scorso aprile era stata diffusa la notizia che Khalimov era morto in seguito a un raid della coalizione a guida statunitense a Mosul.

To Top