Israele: scoperta setta degli orrori. Arrestato guru-rabbino violentatore

Pubblicato il 2 Agosto 2011 21:09 | Ultimo aggiornamento: 2 Agosto 2011 21:25

TEL AVIV, 2 AGO – Una setta degli orrori e' stata scovata e smantellata in Israele dalla polizia, con l'arresto di un rabbino-guru e di un un pugno di suoi pretoriani, tutti accusati d'aver maltrattato e abusato (anche sessualmente) donne e bambini della comunita', figli compresi.

L'indagine, finora coperta dal segreto, e' stata resa nota stasera – a margine della convalida dei fermi da parte della magistratura – da funzionari della polizia di Gerusalemme, i quali hanno definito la vicenda ''uno dei piu' gravi episodi di abusi'' del genere individuati nel Paese negli ultimi anni.

Il capo della setta, del quale non e' stato diffuso il nome, aveva raccolto attorno a se' decine di persone, incluse le sue sei mogli e i suoi 15 figli. E aveva creato un sistema di prevaricazioni e violenze – fisiche, sessuali e morali – su donne e bambini, nel quale egli si ergeva da 'padre-padrone', ma a cui partecipavano pure gli altri maschi del branco con 'diritti' proporzionali ai ruoli conferiti dal 'maestro'. Un alto ufficiale di polizia si e' detto turbato dalle conseguenze osservate su donne e bambini – anche in termini di ferite, abrasioni e traumi – delle pratiche di violenza.

Il guru ha inizialmente ammesso le azioni che gli venivano contestate, parlando tuttavia di pratiche ''consensuali'', mentre il suo numero due e altri adepti hanno negato tutto.

Il rabbino capo ashkenazita d'Israele, Yona Metzger, si e' detto da parte sua costernato per una vicenda che ha definito turpe, ma che non appare inedita all'interno di certe realta' religiose ebraiche. E ha rinnovato un appello a tutti i rabbini affinche' vigilino con piu' attenzione sulle loro comunita', rifiutino qualsiasi tentazione omertosa e denuncino sul nascere ogni sospetto di degenerazione di questo tipo.