Istanbul: il giallo della morte dell’ex spia inglese che ha fondato i Caschi bianchi. E’ stato “suicidato”?

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 Novembre 2019 14:48 | Ultimo aggiornamento: 11 Novembre 2019 14:48
Istanbul: la morte del fondatore dei Caschi bianchi un giallo

Caschi bianchi in azione in Siria (foto Ansa)

ROMA – Una ex spia britannica, fondatore dell’organizzazione umanitaria dei ‘Caschi bianchi‘, James Gustaf Edward Le Mesurier, è stato trovato morto nella propria abitazione di Istanbul quest’oggi. Ancora da chiarire le cause del decesso, ma tutto sembra ricondurre a un omicidio, come confermato dalla procura della metropoli sul Bosforo, con in secondo piano, al momento, l’ipotesi di un suicidio.

Le Mesurier, ex agente dei servizi britannici Mi6, era conosciuto come uno dei fondatori dei “Caschi Bianchi”, da anni impegnati in prima linea nel salvataggio delle vittime dei bombardamenti in Siria e nell’estrazione dei superstiti dalle macerie. Attività che è valsa a Le Mesurier il cavalierato, conferitogli dalla regina di Inghilterra.

Tuttavia le attività dei ‘Caschi bianchi’ trovano da sempre l’opposizione di Russia, Iran e Damasco, che li accusano di fare disinformazione, ma non hanno avuto problemi con la Turchia, considerato che da anni hanno una sede a Istanbul.

Solo ieri il presidente siriano Bashar al Assad aveva indicato la ong come espressione di al Qaeda. Le Mesurier aveva ricevuto nel 2016 anche l’investitura dalla regina Elisabetta II di “The Most Excellent Order of the British Empire”, ordine cavalleresco istituito da re Giorgio V e una delle onorificenze più importanti del Regno Unito. (fonte Agi)