Kim Jong-un? Simpatico e bonaccione. Il ricordo dei vecchi amici in Svizzera

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 febbraio 2018 6:40 | Ultimo aggiornamento: 6 febbraio 2018 17:45
Kim Jong-un (foto Ansa)

Kim Jong-un (foto Ansa)

GINEVRA – Kim Jong-un per i suoi vecchi amici in Svizzera, dove era studente alla fine degli anni ’90, non è uno spietato dittatore né un genio del male o abile stratega.
Per loro, il 34enne leader è sempre il ragazzo con senso dell’umorismo, appassionato di pallacanestro, in particolare dei Chicago Bulls, che va d’accordo con tutti, nonostante gli scatti di collera.

Dopo quasi 20 anni, Joao Micaelo, ora chef in un ristorante di Berna, ancora ricorda con affetto l’ex compagno di classe della scuola pubblica tedesca Liebefeld-Steinhölzli a Koeniz, appena a sud di Berna. Come tutti quelli che hanno conosciuto Kim dal 1998 alla fine del 2000, Micaelo pensava che fosse “Pak Un”, figlio di un membro dello staff dell’ambasciata nordcoreana. Un giorno Kim disse a Micaelo chi era, ma Micaelo pensava che stesse inventando.
“Era un buon amico”, ha detto Micaelo a The Daily Beast. “Insieme ci siamo divertiti molto. Era un bravo ragazzo. Piaceva a parecchi compagni. Ora non so nulla della sua vita. Amava il basket, insieme abbiamo giocato molto. Mi piacerebbe dirgli, se mai avessi la possibilità, per favore contattami, così ci aggiorneremo”.
Kim aveva una collezione invidiabile di sneakers Nike, e anche se era alto 1,70 e leggermente in sovrappeso, era un buon giocatore di basket.

“Era divertente”, ha detto l’ex compagno di classe Marco Imhof di Berna. “Sempre pronto a una risata. Anche se odiava perdere. Vincere era molto importante”.
“Aveva senso dell’umorismo e andava d’accordo con tutti, anche con gli studenti che provenivano da Paesi nemici della Corea del Nord”, ha detto un altro compagno di classe al quotidiano tedesco Welt am Sonntag. “A scuola la politica era un argomento tabù, parlavamo solo di football”.
Se questi commenti non sono in linea con la popolare visione di Kim come stravagante e pericoloso leader della Corea del Nord, la colpa è della Svizzera. La famiglia di Kim ha avuto una lunga e forte connessione con la  Nazione e, di conseguenza, una finestra sull’Occidente significa che molti di loro sanno molto bene com’è la vita al di fuori della Corea del Nord.

“Ma non si deve pensare che trascorrere del tempo in Svizzera lo abbia cambiato”, dice Gordon Chang, l’autore di Nuclear Showdown: North Korea Takes On the World e collaboratore del Daily Beast. “Ha lo stesso gene da dittatore del nonno e presta molta attenzione all’esercizio di equilibrio per gestire la Corea del Nord. La cosa più difficile da gestire in un regime totalitario è assicurarsi che non ti uccidano. E’ senza cuore. È spietato. Deve esserlo”.
Oltre a Kim Jong-Un, suo fratello maggiore, Kim Jong Chul, e la sorella minore Kim Yo Jong hanno studiato nelle scuole svizzere a Berna e dintorni tra il 1992 e il 2000. Il fratellastro più grande, Kim Jong Nam, brutalmente avvelenato all’aeroporto malese di Kuala Lumpur l’anno scorso, aveva studiato a Mosca e poi a Ginevra.
La famiglia di Kim iniziò a costruire quella che Madden definisce una “rete necessaria” a Parigi, negli anni ’70, dove ancora oggi hanno un’abitazione.
“Non puoi mandare i figli di un dittatore all’estero senza una rete, persone e istituzioni che si prendano cura di loro”, ha detto Madden.
L’anno scorso, la zia di Kim Jong Un, Ko Yong Suk, ha dichiarato al Washington Post che in Svizzera, insieme al marito si sono presi cura di Kim e dei due fratelli in Svizzera. Kim Jong Chol arrivò nel 1992; Kim Jong Un nel 1996, quando aveva 12 anni.
“Vivevamo in una casa normale e ci comportavamo come una famiglia normale. Con loro sono stata come una madre”, ha detto Ko sulla permanenza a Berna. “Ho incoraggiato Kim Jong Un a portare a casa i suoi amici, perché volevamo che vivesse una vita normale. Preparavo degli spuntini per i bambini, mangiavano la torta e giocavano con i Lego”.
Durante le vacanze scolastiche, Ko e suo marito portavano i bambini a sciare sulle Alpi svizzere, a nuotare in Costa Azzurra e in Italia.
Kim “non era un piantagrane, ma era irascibile e intollerante”, ricorda Ko. “Quando sua madre cercò di dirgli che giocava troppo e studiava poco, non rispose ma protestò in altri modi, ad esempio con lo sciopero della fame”.
Aveva iniziato a mostrare segnali di una personalità complicata e, secondo quanto riferito, una volta è stato beccato con una rivista porno BDSM. Non è chiaro quanto sia significativo e se del tutto vero.
Un funzionario dell’istruzione locale ha confermato a Reuters che uno studente conosciuto solo come Pak Un, registrato come figlio di un impiegato dell’ambasciata nordcoreana, ha frequentato la scuola Steinhoelzli dal 1998 alla fine del 2000. “Pak Un ha frequentato un corso per alunni non di lingua tedesca ma poi si è trasferito rapidamente in un’altra classe”, ha dichiarato Ueli Studer in un report del 2011. “Era descritto come ben integrato, diligente e ambizioso. Il suo hobby era il basket”.
Madden ha riferito che mentre studiavano in Svizzera, Kim e i fratelli erano noti per essere “iperprotetti”. “Intorno a loro c’erano sempre delle donne che li avrebbero portati immediatamente all’ospedale anche per un solo starnuto. Le persone pensavano che fosse bizzarro”.
Kim nel 2000 è improvvisamente scomparso nel mezzo dell’anno scolastico e non è stato più visto. Ritornò in Corea del Nord. È subentrato al padre, Kim Jong Il, come leader del Paese quando nel 2011, a 70 anni, è morto di infarto.
“Si è rivelato più feroce e spietato del padre”, ha dichiarato Su Mi Terry, ex analista della CIA e leader degli esperti della Corea del Nord, ora al Center for Strategic and International Studies, come scrive The Daily Beast.